On Air Stiamo trasmettendo:
Musica Italiana

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



CLAIRE HAMILL LIVE @ RADIOGAS

 



MERCOLEDI' 15 LUGLIO

ORE 19,30

SOLO SU RADIOGAS

Claire Hamill suonerà dal vivo negli studi di Radiogas ospite di Work in regress, programma condotto da Chiara e Francesca
.









CLAIRE HAMILL iniziò la sua carriera musicale molto presto, all'età
di 17 anni. Dopo il suo album di debutto "One house left standing",
partì per il suo primo tour in Gran Bretagna, supportando i concerti di
John Martin. Dal 1973 girà gli Stati Uniti collaborando ai concerti di
band del calibro di Procol Harum e Jethro Tull. Subito dopo il tour
negli States registra il suo secondo album "October".

Nel 1973 incontra Ray Davies che le fa firmare un contratto per la
sua etichetta discografica, la Konk per la quale registra il suo terzo
album "Stage Door Johnnies". Riparte per un secodno tour negli Stati
Uniti, mentre per il tour in Gran Bretagna supporta l'artista Gilbert
O'Sullivan. Il suo ultimo album degli anni '70, "Abracadabra", viene
registrato sempre per la Konk. Agli inizi degli anni '80, supporta per
un breve periodo il tour dei Wishbone Ash.

A partire dagli anni '80 Hamill reinventa se stessa avvicinandosi
alla musica New age. Album come "voices" racchiude in sè atomosfere che
poi sarebbero state proprie di artisti come Adiemus ed Enya.

La sua canzone "Breath You Take Away mio" ha catturato l'attenzione
di Eva Cassidy, che ha portato questo brano al successo.

LA cantautrice inglese può vantare collaborazioni con artisti come
King Crimson, Jethro Tull, Procol Harum e tanti altri.


ULTIME NEWS

I VENERDI' DI SOUNDS ON FRIDAY
Con Marco Milanesi
Leggi tutto

Prato Antiqua a palazzo Datini
Presentazione
Leggi tutto

Fabrizio Mocata a Nightswimming Jazz
Con Marco Milanesi
Leggi tutto

Referendum di Radiogas 2018
Commentato da Marco Monzali
Leggi tutto

Referendum radiogas 2017
Commentato da Marco Monzali
Leggi tutto

The Trongone Band – Keys To The House
Recensione di Lorenzo Allori
Leggi tutto