On Air Stiamo trasmettendo:
Nightswimming "Outcast" con Giuseppe Fiorino

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Jamie Saft a Ferrara in Jazz 2018 – 2019

 

Sabato 20 aprile, ore 21.30

 

The New Standard Trio
Jamie Saft, pianoforte e organo
Steve Swallow, basso elettrico
Bobby Previte, batteria

 

Sabato 20 aprile, la Pasqua del Jazz Club Ferrara è con un'imperdibile esclusiva nazionale realizzata in collaborazione con Ferrara Musica. Tre le stelle del jazz che splenderanno sul palco del Torrione: Jamie Saft (piano), Steve Swallow (basso elettrico) e Bobby Previte (batteria), ovvero The New Standard Trio, alle prese con il nuovo You Don't Know The Life.

 

Sabato 20 aprile (ore 21.30), la Pasqua del Jazz Club Ferrara è con un'imperdibile esclusiva nazionale realizzata in collaborazione con Ferrara Musica. Tre le stelle del jazz che splenderanno sul palco del Torrione: Jamie Saft (piano), Steve Swallow (basso elettrico) e Bobby Previte (batteria), ovvero The New Standard Trio, alle prese con il nuovo You Don't Know The Life (RareNoise Records, 2019).

Le vicende del trio Saft, Swallow e Previte in casa RareNoise, sono ormai come le puntate di una fiction dagli sviluppi imprevedibili, e chi segue la serie si attende novità e sorprese ad ogni nuova "puntata". Dopo l'esordio del 2014 con The New Standard, manifesto degli intenti del gruppo fra rispetto per le radici e connessione alla contemporaneità e la successiva, parziale, svolta verso la forma canzone di Loneliness Road (2017), con l'improbabile quanto azzeccato contributo vocale di Iggy Pop, arriva ora questo You Don't Know The Life consacrato alla formula dell'organ trio, naturalmente riletta secondo estro e sensibilità propri dei tre protagonisti. Un lavoro che, come i precedenti, risulta studiato e sviluppato con una cura per i dettagli che rappresenta la genuina passione dei musicisti per questo progetto collettivo: usuale attenzione maniacale riservata al suono, particolare strumentazione utilizzata e un'oculata e significativa  scelta del materiale da sottoporre al  trattamento di ricostruzione creativa messo a punto, fra composizioni originali e riletture di standards. Le parole di Steve Swallow rivelano le modalità con le quali il trio usualmente lavora: "Jamie è l'architetto dell'edificio in cui la nostra musica deve abitare, ma quello che la rende particolarmente attraente per me, è la possibilità che le sue composizioni offrono di muoversi con molta fluidità in diverse direzioni, lasciando sempre la sensazione che il risultato funzioni. A differenza di molti altri compositori che conosco, Jamie mette la sua musica sul tavolo e poi se ne va. Non va in crisi se gli fai a pezzi i brani, li smonti e li riassembli in modo diverso, diventa persino complice di questo processo".

Figura tra le più intriganti della scena jazzistica innovativa e d'avanguardia, Jamie Saft è parte dell'alveo gravitante attorno a John Zorn. Nato nel Queens e residente nella Grande Mela, Saft si contraddistingue per spiccate capacità tecniche, intensa versatilità stilistica e portentosa creatività che lo hanno condotto a prediligere più di uno strumento (tra cui pianoforte e tastiere, chitarra, contrabbasso e sintetizzatori) e a spaziare tra i più disparati generi musicali. Ha all'attivo collaborazioni con Laurie Anderson, Beastie Boys, John Zorn, Antony and the Johnsons e Dave Douglas solo per citarne alcuni e fa parte di svariate formazioni, tra cui gli Electric Masada e i Kalashnikov. Degna di nota è anche l'attività di compositore di colonne sonore per pellicole cinematografiche e serie televisive.

 

 

PER SAPERNE DI PIU'

www.jazzclubferrara.com

jazzclub@jazzclubferrara.com

 

ULTIME NEWS

Jamie Saft a Ferrara in Jazz 2018 – 2019
Comunicato stampa
Leggi tutto

SOUNDS ON FRIDAY XII Edizione
Comunicato stampa
Leggi tutto

JAMIE SAFT al Pinocchio Jazz
Comunicato stampa
Leggi tutto

Referendum di Radiogas 2018
Commentato da Marco Monzali
Leggi tutto

Referendum radiogas 2017
Commentato da Marco Monzali
Leggi tutto

The Trongone Band – Keys To The House
Recensione di Lorenzo Allori
Leggi tutto