On Air Stiamo trasmettendo:
Alto Volume con Valentina Ceccatelli

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



ACCATTONE

di Pier Paolo Pasolini (Italia, 1961)
con Franco Citti, Franca Pasut, Adriana Asti, Silvana Corsini, Paola Guidi, Sergio Citti, Alfredo Leggi, Mario Cipriani, Umberto Bevilacqua, Edgardo Siroli.



"Accattone" è un pappone che vive alle spalle di una prostituta e non sa fare niente come la maggior parte delle persone che conosce. Quando lei viene arrestata, lui prima rischia di morire di fame e poi diventa il protettore di un'altra ragazza commettendo l'errore di innamorarsene.

 "Accattone", opera prima di Pier Paolo Pasolini, è stato girato nel 1961 a Roma, la città che l'artista aveva tante volte raccontato nei suoi libri come in "Ragazzi di vita" e "Una vita violenta" scritti a metà anni cinquanta; cambia il mezzo espressivo ma i concetti e l'approccio non mutano, in questa pellicola si ritrovano le tematiche e la brutalità sottolineate dall'uso del dialetto e dalla mancanza di mediazione con la quale Pasolini raggiungeva i suoi lettori e spettatori. 

Il cast degli attori, composto da ragazzi della strada che recitano con violenza contribuisce a rendere il film ancora più indigesto e difficile da metabolizzare; la spietata rappresentazione di una periferia degradata e sporca dove l'unico futuro consiste nella sopravvivenza giornaliera e la morale è una parola priva di significato, acquista una forza che attori professionisti non potrebbero apportare.

Franco Citti che interpreta Accattone e collaborerà con Pasolini in altri film come il successivo "Mamma Roma" del 1962, è perfetto per interpretare un personaggio che ha in sé caratteristiche opposte come ignoranza, malvagità e coraggio ma con la capacità di ribellarsi a un sistema che non accetta più in nome dell'affetto che prova per la ragazza della quale si è innamorato.

La colonna sonora, composta da brani di Bach contribuisce a rendere quel mondo ancora più folle e assurdo nella sua maledetta banalità, nella sua lorda quotidianità. Infine, Pasolini che ha creduto molto in questo film e che lo riteneva uno dei suoi migliori lavori, fin dagli albori della sua prolifica carriera cinematografica ha dimostrato qualità indubitabili nel cogliere i caratteri dei personaggi e nel rappresentare i ragazzi di vita, che forse, ha capito più degli altri, ai quali è riuscito ad avvicinarsi fino a coglierne il segreto.

L'inviato Morellik