On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ
Le trasmissioni consuete di RADIO GAS riprenderanno regolarmente lunedì 31 Agosto. In loro sostituzione andranno in onda le nostre selezioni musicali.

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



L’OUMO NELL' OMBRA

 
REGIA: Roman Polanski

CAST: Ewan McGregor, Pierce Brosnan, Olivia Williams, Kim Cattrall, Timothy Hutton, James Belushi, Eli Wallach

ANNO: 2010

NAZIONE: Germania/Francia/Regno Unito

DURATA
: 125 Min

Un ghostwriter di Londra (Ewan McGregor) viene scelto per sostituire il redattore (apparentemente suicida) delle memorie dell'ex primo ministro inglese Adam Wade (Pierce Brosnan), ritiratosi a vivere con moglie (Olivia Williams) e staff in America, nell'isola di Martha's Vineyard. Il ghostwriter lo raggiunge lì, ma... Niente e nessuno è come sembra.
E mentre Wade viene incriminato per aver usato metodi più che illeciti nella guerra al terrorismo, il ghostwriter si accorge che le memorie "scottano" e che molti dei misteri che circondano Adam Wade hanno origine nei suoi anni universitari a Cambridge. L'incarico diventa sempre più complesso. E pericoloso. Non solo, però, per il ghostwriter...

 

Diavolo d'un Polanski: ricrea Londra a Berlino, Martha's Vineyard sul Mare del Nord, trasforma Kim Cattrall ("Sex and the City"!) in una temibilissima segretaria "particolare" e alla fine, contro tutte le nostre aspettative, fa pure recitare Ewan McGregor e Pierce Brosnan! E soprattutto, riesce a convincerci del fatto che Tony Blair è... No. Questo non posso dirlo. Andate però a vedere il film, e lo scoprirete da voi.

Dopo due ore di tensione ed inquietudine, come in ogni spy movie che si rispetti. O, per limitarci a Polanski, come nel buon vecchio "Frantic". Gli amanti di quel film, o di serie televisive come "X-Files", troveranno pane per i loro denti. Gli altri, beh... Volete mettere il privilegio di stare in poltrona mentre i personaggi rabbrividiscono su spiagge meravigliose, fredde e infinite??? Diavolo d'un Polanski!

Tratto dal libro di un collaboratore deluso di Tony Blair, il film mescola all'attualità le memorie del caso Philby e di altri mille film tra spionaggio e potere, miscelando il tutto con stile ed eleganza. Visione più che consigliata. Peccato solo per un finale che poteva senz'altro essere meno affrettato e prevedibile. Ma si sa, a volte il "colpevole" deve essere il più insospettabile. Anche quando lo sospettiamo per questo...

 Luca Perlini