On Air Stiamo trasmettendo:
Deutschradio con Alessandro Pianti

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



LOW ANTHEM Live in Dublin

 

Low Anthem @ Vicar Street

16 Aprile 2011 - Dublin IE

 

Non so se recensendo un concerto si possa riassumerlo nell'esclamazione “Wow!” ma così a mente fredda continua a essere l'unica parola ricorrente ripensando al concerto dei Low Anthem.

Quindi: “Wow, che bel posto Vicar Street!”, “Wow, gente di tutte le età!”, “Wow, quanta birra!”, ma soprattutto “Wow quanto sono cresciuti i Low Anthem da Oh My God, Charlie Darwin”! In realtà loro non sembrano cambiati molto, sempre silenziosi, schivi, troppo impegnati negli innumerevoli cambi di strumenti, per perdersi in sorrisi e smancerie, danno al pubblico quello che vuole, ossia la loro musica, e credetemi, basta e avanza!

C'è tutta la magia e l'intimità del blues, la forza del folk, l'impegno di Jocie Adams, Ben Knox Miller, Jeff Prystowsky e Mat Davidson, e tantissimi strumenti a cui si alternano di volta in volta questi giovani e valenti musicisti.

 
 

L'apertura è con l'esecuzione quasi a cappella di Ghost Woman Blues, nella classica formazione del gruppo, ossia tutti raccolti intorno a un microfono con Knox Miller alla chitarra, come se il pubblico in raltà non esistesse, per poi passare alla solennità di Love and Altar. La tracklist del concerto comprende ovviamente tutti i pezzi del nuovo album Smart Flash (Nonesuch/Bella Union 2011) mescoltate con molti dei pezzi del precedente lavoro (tra cui The Ghost Who Write History Books, To Ohio, Ticket Taker e Cage The Songbird), così da creare un impasto di suoni assolutamente atemporale e lasciare tutti i presenti col fiato sospeso in attesa di una nota, un suono e una parola, tutti pronti a scoppiare però in applausi entusiastici alla fine di ogni pezzo. Un'atmosfera rarefatta, ammantata di malinconia, che esplode nella forza di brani come Hey, All You Hippies e Boeing 747, o si perde nel sussurro di Burn e Smart Flash.

E dopo tutto l'apparente distacco del concerto, eccoli alla fine spuntare nella hall del locale, bottiglia di vino in mano, e sorriso soddisfatto stampato in faccia a salutare fans e amici e a firmare gli autografi di rito. Insomma, che voi li ascoltiate in un pub, in una chiesa o in un locale alla moda, non importa, questi quattro ragazzi sanno trasportarvi nel loro mondo fatto di musica, sensazioni senza tempo e parole.

 FrancescaFerrari