On Air Stiamo trasmettendo:
Nigthswimming con Claudio Biancalani

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



STAER - Staer

Anno di pubblicazione: 2012

Provenienza: Norvegia

Genere: noise rock, math rock

Voto: ***1/2

Brano migliore: I Roll With Creflo


Commento: chitarra, basso e batteria (senza parti vocali); non c'è altro in questo album degli Staer. Si tratta di un veloce viaggio (appena sette brani per circa 38 minuti) attraverso le zone più oltranziste del noise e del math rock. Il menù rischia seriamente di diventare indigesto perché, dopo un inizio entusiasmante, l'effetto sorpresa cala e si tende a ripetere all'infinito gli stessi schemi sonori (in particolare la batteria è meno agile e fantasiosa rispetto ai canoni riconosciuti del math rock). Poi arrivano i continui cambi di atmosfera racchiusi nei dieci minuti dell'ultima canzone Dr. Life e si capisce che gli Staer sono apparsi per restare. Rappresenteranno ben più di una nota a margine nella storia della musica sperimentale.


Assomiglia a: moltissimo agli Shellac di Steve Albini.

Dove ascoltarlo: in una vasca piena di vernice scura.

 Lorenzo Allori