On Air Stiamo trasmettendo:
Fatti e misfatti con Marco Monzali e Paolo Balestri

Parola di DJ
Causa trasferimento della sede le trasmissioni consuete di Radio Gas riprenderanno solo giovedì 18 Gennaio. In loro sostituzione vanno in onda le nostre selezioni musicali

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



CULTURA RUMENA, RAZZISMO E ANATEMI- E.M. Cioran - Mircea Eliade

 Cultura rumena, razzismo e anatemi
GLI SCHIAFFONI DELLA VERITA'
E.M.Cioran e Mircea Eliade, ovvero nessuno è al riparo
di David Fiesoli

La penosa scia di scontri politici e ronde punitive che ha seguito l'assassinio di una donna italiana da parte di un rumeno, ha i colori dell'ignoranza oltre che quelli del razzismo. La Romania, di cui persiste un'immagine collettiva di livello davvero basso, è un paese di alta tradizione che ha dato molto al patrimonio culturale del Novecento: basta pensare a Eugene Ionesco, Nichita Stanescu, e ai filosofi Emil Cioran, Costantin Noica e Mircea Eliade.

   

Leggendo Cioran, si ha la sensazione di essere presi a schiaffi dalla verità. Però qualche ceffone ogni tanto fa bene: si comprende quanto sia assurdo cercare verità omnicomprensive quando la vita, come dice Cioran, è "l'anomalia per eccellenza". Nei suoi aforismi, Cioran ammette di porre domande senza risposta, afferma di essere disgustato e irritato da tutti, ma poi ricorda che gli piace ridere, e che non può ridere da solo. Uno degli aforismi dice che è grazie alla sofferenza, e non al genio, che si smette di essere marionette.

Infatti, che la cultura ripari da razzismo e intolleranza è una pia illusione: gli intellettuali si sono spesso adeguati al potere, o hanno sostenuto apertamente posizioni razziste. E' il caso di Mircea Eliade, storico delle religioni e filosofo del periodo interbellico: stando alla biografia senza sconti che ha scritto lo studioso fiorentino Alessandro Mariotti, Eliade aderì alla formazione rumena di estrema destra Guardia di Ferro, fu un deciso antisemita e scrisse pagine in cui esaltava Hitler come guida spirituale. Nonostante ciò, ottenne perfino la cattedra di Storia delle Religioni all'Università di Chicago. E nell'America on the road fu stimatissimo, lui fiero anticomunista, da Allen Ginsberg e dalla beat generation per gli studi sulla meditazione, sul misticismo e sugli stati alterati di coscienza.

Eliade, infatti, è uno dei massimi studiosi della relazione dell'Uomo con il Sacro, a lui si devono i primi studi sullo yoga in Occidente: memorabili i saggi come "Trattato delle religioni" e "Il mito dell'eterno ritorno", meno i romanzi, come "Un'altra giovinezza", appena ristampato da Rizzoli e da cui Coppola ha tratto il film omonimo.

Ammirato da Cioran e amico di Ionesco, Eliade nasconderà, negli anni americani e dopo il suo successo mondiale, di essere stato membro della Guardia di Ferro e ammiratore di Hitler: in "Un'altra giovinezza", scritto nel 1976, fa di un professore rumeno 'mutante' un perseguitato dalla Gestapo. Anche Eliade fu all'indice nella Romania comunista per le sue idee.

In fondo, nessuno è al riparo dal razzismo e dall'intolleranza: l'unica difesa è la consapevolezza che non esistono popoli criminali o popoli razzisti, ma popoli soggiogati e individui che devono fare i conti con la propria coscienza e, nei casi peggiori, con quella legge che dovrebbe essere ugualmente severa con tutti.

E.M.CIORAN "Confessioni e anatemi", Adelphi, pp.133, euro 13
MIRCEA ELIADE "Un'altra giovinezza", Rizzoli, pp.161, euro 15
ALESSANDRO MARIOTTI "Mircea Eliade" Castelvecchi, pp.235,euro 22