On Air Stiamo trasmettendo:
Gas Station con Alessandro Pianti

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



BRUNORI SAS Poveri Cristi Vol. 2

 

Piccica dischi, 2011

 

 

Sono dei flash, dei cortometraggi, episodi di poveri cristi, veri e verosimili, filtrati e raccontati con rispettosa ironia, anche per esorcizzare il dramma che talvolta questi brani raccontano. Dario Brunori ci scherza su, ma non troppo, e annuncia alla Fnac di Firenze, intervistato dal nostro Lorenzo Tempestini, che a proposito di sceneggiatura c'è nell'aria anche un film, ma è tutto ancora top secret. Nell'attesa di vedere Brunori nelle vesti di attore, ascoltiamolo con la sua Sas: il cantautore ha ormai saltato il fosso e, come prima di lui Dente e Le luci della centrale elettrica, è ormai una indie-star. Che vuol dire uno degli artisti più amati e seguiti del panorama musicale indipendente italiano. Club stracolmi per i suoi live, critica in deliquio, applausi a profusione. Meritati. Poveri Cristi vol.2 è un disco meno spartano di quello d'esordio, curatissimo, con la band in stato di grazia. Rino Gaetano sta sempre in agguato ma risorge più bello e più rock, come in Rosa, il singolo che parla di immigrazione e che, anche troppo rinogaetanesco, non è il pezzo migliore del disco anche se dal vivo trascina a nastro. Tornando al disco, basta però l'apertura con Il giovane Mario a drizzare le orecchie e lasciarsi catturare, fino a scivolare in Bruno mio dove sei e commuoversi tra occhi lucidi e un amaro sorriso: da brivido. Lo strappa quella voce, lo strappano le parole innamorate. E' un disco innamorato, questo: di Rosa, di Bruno, di Mario, di Firenze (la splendida Lei, lui e Firenze), di una donna-delfino (Fra milioni di stelle), di una mosca-dilemma che ronza attratta dall'ambiguità, degli amori finiti (Tre capelli sul comò).

E anche se l'amore al tempo dei poveri cristi rischia di essere un sentimento un po' facile, da spot sociale pubblicità-progresso, qui è invece condito di verità, della gioia di raccontarla, di ironia che diventa rispetto. Ecco la differenza con i proclami di Le luci della centrale elettrica. E mentre Dente (con cui Brunori battibecca in Il suo sorriso) ci ha raccontato che l'amore non è bello, Brunori sas ci racconta l'amore con un sorriso, appunto.

Ma lo racconta proprio tutto, l'amore: non quello per una donna o un uomo, ma quello per i precari, gli operai, gli emigranti, gli immigrati, le vedove, i ragazzi, gli anziani. Un'umanità di poveri cristi. E sugli altri, su quelli ricchi, mettiamoci una croce sopra.

 David Drago