On Air Stiamo trasmettendo:
Alto Volume con Max Cherubini

Parola di DJ
Causa trasferimento della sede le trasmissioni consuete di Radio Gas riprenderanno solo giovedì 18 Gennaio. In loro sostituzione vanno in onda le nostre selezioni musicali

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Bachi da pietra – Necroide

Anno di pubblicazione: 2015

Provenienza: Italia

Genere: noise rock, metal

Voto: ****

Brano migliore: Cofani funebri


Commento: Il duo batteria / chitarra più affascinante del panorama italiano ha concluso la sua lenta transumanza dall'alternative rock al metallo pesante. Necroide, sesto album dei Bachi da pietra, è a tutti gli effetti un disco metal, anche se del metal non rispetta tutte le regole. La musicalità malata ed animalesca degli Slayer viene citata (non solo a parole) nel trittico iniziale Black Metal il mio folk, Slayer & The Family Stone e Fascite necroide (quest'ultimo il morbo che, secondo la leggenda popolare, avrebbe ucciso il chitarrista degli Slayer Jeff Hanneman, a seguito del morso di un ragno tropicale). I testi sono sempre ironici e riferiti al mondo degli insetti, degli aracnoidi, dei batteri e dei virus. Non mancano poi i blues sepolcrali che hanno reso famosa la band nei precedenti lavori (Tarli mai, Virus del male) e perfino qualche tenue elemento hip hop (Apocalinsect). Necroide è il miglior disco dei Bachi da pietra ed apre scenari impensabili per l'indie rock italiano. Al cd viene aggiunto l'ep Habemus Baco, con due notevoli brani meno potenti e con l'invece tedioso Amiamo la guerra.


Assomiglia a: agli Slayer, se Kerry King non avesse sempre contato di più rispetto a Jeff Hanneman.

Dove ascoltarlo: in un reparto per la cura di malattie infettive.
 Lorenzo Allori