On Air Stiamo trasmettendo:
The Boiler con Indignata Chinaski

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



NEGRITA Dannato vivere

 

Anno di pubblicazione: 2011

Provenienza: Italia

Voto: ***1/2

Genere: Rock

Brano migliore: Fuori controllo, Per le vie del borgo, Splendido

 

Ok, i ragazzi di Arezzo sono tornati dall'America con un giramento di coglioni che fa provincia. Intendiamoci. Sono ancora innamorati, sanno ancora suonare. E bene. John Type in veste di nuovo acquisto alla parte elettronica è scelta oculata, e quella linea di basso in Splendido è bella abbastanza da farti premere il tastino loop. Anche se, devo ammetterlo, è un disco che necessita di una bella scartavetrata per ritrovare il groove rock n'roll che la banda di Arezzo ha sempre avuto e si ostina a mantenere. Però Dio, che giramento di scatole. Non mio, loro. Anzi, nostro. Dannato vivere è, forse, il disco più calato nella realtà che i Negrita abbiano mai tirato fuori, dopo L'uomo sogna di volare con Sale, Helldorado con Il libro in una mano, la bomba nell'altra, Radio Zombie con Welcome To The World e tanti altri esempi altrettanto calzanti ed esistenti. E però. In questo disco ci sono talmente tanti pezzi che parlano dell'ora e dell'adesso che ti viene facile pensare che anche i Docs non ne abbiano più, insieme a una bella percentuale della popolazione italiana. Magari perchè, impressione tutta personale e quindi soggetta a declassificazione incazzata, nei dischi precedenti i temi erano più larghi, internazionali. Qui no, si sta sull'ora, l'adesso e, forse, sul qui. Le speranze di una generazione sui binari morti alla stazione. E per le vie del borgo fra il ribollire dei poveri, va l'aspro odor di zolfo le anime a rallegrar. Sul tuo volo per Londra c'è un signore al tuo fianco, sulla testa ha un turbante, in tasca cosa avrà? Oddio, ok. In realtà i temi sono molto più internazionali di quanto potrebbero sembrare a una prima lettura. Ammettiamolo: siamo tutti sulla stessa barca, e chi dovrebbe stare al timone è salito a bordo col trapano e si è fregato tutti i salvagente…


Assomiglia a: Quello che vorrebbe dire qualche giornalista se non stesse biascicando un bavaglio


Dove ascoltarlo: Nell'aria, visto che il vento sta cambiando.

 
 Valentina Ceccatelli