On Air Stiamo trasmettendo:
Alto Volume con Valentina Ceccatelli

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



ANITA O'DAY - I Get A Kick Out Of You

Genere: jazz

Provenienza: USA

Anno: 1975

Voto: ****1/2

A Song For You, Undecided, What Are You Doing The Rest Of Your Life, Exactly Like You, When Sunny Gets Blue, I Get A Kick Out Of You, It Had To Be You, Opus One, Gone With The Wind

Anita O' Day (vocals) - Ronnell Right (piano) - Don Raffell (sassofoni, flauto) - George Morrow (contrabbasso) - John Poole (batteria)

 

Imbattibile nella sua capacità di tenere il tempo, di guidare con decisione con incredibile senso dello swing il gruppo con cui stava cantando in quel momento, sia essa una grande orchestra o un piccolo gruppo, Anita O' Day  è stata una delle più grandi cantanti jazz della storia. Il colore della sua voce, assente da vibrato, è inconfondibile così come la sua capacità di dizione.  Comincia la sua carriera nel periodo d'oro dello swing (all'incirca tra la metà degli anni ‘30 e la fine degli anni ‘40).  Canta nelle big band di Gene Krupa e Stan Kenton. Poi la carriera da solista e, contemporaneamente, la dipendenza da droga e alcool che la costringe a periodi di silenzio e anche di permanenza in prigione.  A un certo punto della sua vita si rende conto che non sarebbe andata da nessuna parte. Si ritira per un lungo periodo. Rientra sulla scene che ha già 55 anni. Il suo ritorno è acclamato da critica e pubblico, ma non trova nessuno deciso a pubblicare un disco per lei. Decide di auto prodursi e nel 1975, grazie all'aiuto di due appassionati giapponesi, pubblica questo eccellente lavoro.

Le canzoni proposte spaziano dal repertorio più classico dell'epoca d'oro delle big band fino a canzoni più tipicamente jazz come Opus One e Undecided. Notevole When Sunny Gets Blue, impreziosita dall'assolo del pianista Ronnell Right. La celebre I Get A Kick Out Of You di Cole Porter viene eseguita in un "up tempo" che descrive bene il suo senso del ritmo di cui vi accennavo prima.

E' un disco che nasce dalla determinazione e dal coraggio.  La determinazione ad andare avanti nonostante tutto e tutti. Il coraggio di riproporsi dopo un lungo silenzio e soprattutto in un momento in cui la poetica del jazz stava andando verso nuove direzioni. Un esempio di jazz classico, o se volete mainstream, ad altissimo livello, seppure in una confezione scarna e lontano dalla produzione ufficiale.  Un piccolo grande gioiello. Un ritratto dai colori e dalle pennellate nuove di questa incredibilmente brava cantante.