On Air Stiamo trasmettendo:
Spazio Progressive

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



STEFANO BATTAGLIA TRIO Songways

Anno di pubblicazione: 2013

 

Brani: Euphoria Elegy / Ismaro / Vondervotteimittis / Armonia / Mildendo Wide Song / Monte Analogo / Abdias / Songways / Perla / Babel Hymn

 

Musicisti: Stefano Battaglia (pianoforte), Salvatore Maiore (contrabbasso), Roberto Dani (batteria)

 

 

Il trio di Stefano Battaglia è semplicemente uno degli esempi più originali nell'ambito del "piano trio". Battaglia è un musicista dotatissimo (attivo in ambito jazz fin dagli anni '70, allorché era soltanto un ragazzino), che ama mischiare la materia dell'improvvisazione di stampo afroamericano, con la musica classica. Non può infatti sfuggire, anche ad un orecchio poco allenato, l'impostazione classica dello stile di Battaglia. Un'impostazione che deriva dall'essersi diplomato al conservatorio e dall'aver suonato per anni come solista in molte grandi orchestre colte. La ECM non poteva certo lasciarsi sfuggire un artista di questo livello che, partendo dalla musica contemporanea e da ambiti a volte minimalisti, a volte addirittura free, sta di fatto creando un nuovo vocabolario del trio pianistico. Questo Songways è un album introspettivo e lirico, nel quale emergono in modo prepotente tutte le caratteristiche del pianista milanese. Venga preso ad esempio lo splendido brano Armonia, in cui il pianoforte ricama suggestivi lenti arpeggi fino a quando, improvvisamente, si trova ad accompagnare in sottofondo un superlativo assolo del contrabbasso di Maiore. Poi ritorna protagonista lo strumento del leader, con un crescendo emotivo che è veramente difficile trovare in molti album contemporanei di piano trio, dove ahimé regna sovrano un certo manierismo jazzistico. Songways probabilmente non è l'album più innovativo del trio di Stefano Battaglia, ma è una porta molto accessibile per entrare in contatto con il mondo di questo gigante del pianoforte contemporaneo.

 Lorenzo Allori