On Air Stiamo trasmettendo:
Slow Emotion

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Beach House – Depression Cherry

Anno di pubblicazione: 2015

Provenienza: U.S.A.

Genere: dream pop, indie rock

Voto: ***

Brano migliore: Sparks


Commento: Non si può certo sostenere che manchi la coerenza artistica al duo formato da Victoria Legrand e da Alexander Scally. In un momento in cui le fortune del dream pop sono in un deciso arretramento commerciale, i Beach House, chissà forse per mera riconoscenza verso il genere che li ha resi famosi in tutto il mondo, continuano imperterriti sulla consueta strada. Già la pretenziosa confezione in (finto) velluto rosso ed il titolo Depression Cherry minacciavano le consuete atmosfere, ma la classe compositiva di Levitation e la chitarra indie di Sparks lasciavano intravedere una possibile evoluzione della specie. Niente di più falso. Il dream pop che sciorinano i Beach House è ancora una volta purissimo e non ibridato. Dopo l'ottima Beyond Love (che però è soltanto la quarta traccia in scaletta), la noia prende inesorabilmente il sopravvento. Affermo con decisione che cinque album sono davvero troppi per i contenuti musicali dei Beach House, che dovrebbero dedicarsi ad altre attività o cambiare qualcosa della loro premiata formula. Depression Cherry potrebbe perfino essere la pietra tombale di un genere e forse dell'intera estetica "Bella Union".....ovviamente fino al prossimo revival.


Assomiglia a: Cocteau Twins

Dove ascoltarlo: nuotando in un mare di melassa rossa.

 Lorenzo Allori