On Air Stiamo trasmettendo:
Notiziario

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



DIIV – Is The Is Are

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: U.S.A.

Genere: shoegaze, dark wave

Voto: ***1/2

Brano migliore: Bent (Roi's Song)


Commento: Zachary Cole Smith, chitarrista newyorkese, è uno dei più apprezzati turnisti della scena indie rock americana. Da oggi però non basta questa definizione a spiegarne la storia musicale. Il suo progetto DIIV, giunto al secondo album, spicca letteralmente il volo con questa lunga epopea sospesa tra vibrazioni dark e riverberi shoegaze. Smith ed i suoi musicisti parlano di legalizzazione delle droghe, si cibano del rock anni '80 e citano senza troppi pudori dal passato più o meno recente (Pere Ubu e Sonic Youth fanno parte degli affettuosi rimandi che si percepiscono qua e là). Di fatto realizzano un disco sorprendente, che si allontana dal modello nirvaniano degli esordi, per gettarsi a capofitto nelle onde dell'Oceano che porta fino in Inghilterra. Avrebbe giovato solo una maggiore concisione e scelta dei pezzi.


Assomiglia a: Porl Thompson ingobbito che suona l'interminabile assolo di chitarra di A Forest....dissolvenza....adesso sul palco i My Bloody Valentine hanno preso il posto dei Cure.

Dove ascoltarlo: nei corridoi deserti di un grande hotel di lusso.

 
 Lorenzo Allori