On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Half Seas Over – Half Seas Over

 

 

Anno di pubblicazione: 2010

Etichetta: Brownswood

Provenienza: U.S.A.

Genere:-----

Voto: ****

Brani migliori: Rake, Just to Clear My Head, The Hathaways

 


Sin dalle prime note il disco degli Half Seas Over ci trasporta magicamente in un piano bar di Montmartre con la sua atmosfera intimista, notturna e misteriosa. Un lavoro a metà strada tra folk e jazz, tra America e Europa, e non solo in senso metaforico. Il progetto è nato nel 2009, mentre Elan Mehler, pianista dalla forte impronta jazz, se ne stava negli States a raccogliere i frutti del suo lavoro, The Afer Suite, e Adam McBride-Smith solcava l'oceano alla volta di Parigi per portarvi un po' della sua folk music.
Il risultato di tale stravagante unione è un album avvolgente ed elegante, a volte trascinante (come nel dixieland di Sunday's Empire) a volte malinconico (vedi ad esempio la bellissima Rake, o la magica The Hathaways che sembra ammiccare al Billy Joel prima maniera), in cui il pianoforte riprende il suo ruolo storicamente centrale diventando protagonista assoluto, insieme alla fisarmonica, di un tessuto sonoro vario e ricercato.
Half Seas Over è un album sotteso in perfetto equilibrio tra le due anime dei suoi compositori, che si incontrano a metà strada (anzi, a metà mare) in una perfetta miscela di sentimenti, sensazioni, e suoni accompagnati dalla voce calda e diretta di McBride-Smith.

Un album perfetto da ascoltare in penombra, nel silenzio della sera, alla fine di una lunga giornata, ma attenzione, potreste rimanerne stregati!

  Francesca Ferrari