On Air Stiamo trasmettendo:
The Boiler con Marco Monzali

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Iggy Pop – Post Pop Depression Live At The Royal Albert Hall

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: U.S.A.

Genere: hard rock

Voto: ***1/2

Brano migliore: Paraguay


Commento: Iggy Pop è il genio analfabeta per eccellenza del rock n'roll. Peraltro, pur reiterando all'infinito le caratteristiche salienti del proprio personaggio, è anche riuscito ad invecchiare con dignità. Il suo ultimo album in studio, Post Pop Depression, è un disco importante, che segna un deciso ritorno alle chitarre abrasive degli anni con gli Stooges, lasciando un poco da parte certe tentazioni new wave o addirittura da crooner che hanno caratterizzato la sua carriera solista. Ed a ben vedere sono proprio le canzoni dell'ultimo album a formare la spina dorsale della scaletta di questo triplo dal vivo (2 cd + dvd). Del resto, dopo i due capolavori solisti di fine anni '70 (The Idiot e Lust For Life), la discografia dell'iguana non è sempre stata inappuntabile. Come sull'album in studio, la chitarra è in mano a Josh Homme ed infatti non si fatica a rintracciare le classiche impennate, sospese tra psichedelia ed hard rock, che hanno reso grandi i Kyuss prima ed i Queens Of The Stone Age poi. Iggy Pop poi fa esattamente quello che ci si aspetterebbe da lui, sbattendosi come si deve, nonché cantando come un pazzo invasato. Nightclubbing, Fall In Love With Me, Repo Man e Paraguay mi hanno (ancora una volta) riconciliato con il vero rock.


Assomiglia a: Iggy Pop che canta nei Queens Of The Stone Age.

Dove ascoltarlo: in uno stabilimento dove si ricicla il vetro.

 Lorenzo Allori