On Air Stiamo trasmettendo:
The Boiler con Indignata Chinaski

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



JIM LAUDERDALE Black roses

Anno di pubblicazione: 2013

Provenienza: U.S.A.

Genere: southern rock

Voto: ***1/2

Brano migliore: Ride On


Commento: Jim Lauderdale abbandona il country rock per proporre un album intriso di sonorità sudiste. Ad aiutarlo nell'impresa troviamo Robert Hunter (il paroliere principe dei Grateful Dead) ed i suoi testi, le tastiere di Spooner Oldham, nonché il talento dei fratelli Dickinson (North Mississippi Allstars). Qualche anno fa i NMAS affiancarono John Hiatt nell'ottimo Master Of Disaster (2005) e devo dire che il gioco funziona alla grande anche con un interprete più tradizionale come Lauderdale. Fin dall'iniziale bluesaccio di Throw My Bucket Down, il disco scorre che è una meraviglia, con peraltro una varietà che fino ad oggi ci era sconosciuta nella musica di Lauderdale. Per esempio Ride On e 13 Clocks, caratterizzate dal bell'uso di una sezione fiati, richiamano il Van Morrison di Moondance; Tossing Pebbles At The Sky sembra una riscrittura diligente di Way Down In The Hole di Tom Waits; altrove prende il sopravvento lo stile "country hill" tipico della famiglia Dickinson. In definitiva una delle sorprese più liete del 2013 musicale.


Assomiglia a:
vedi sopra.

Dove ascoltarlo: in una fabbrica di inchiostro.

 Lorenzo Allori