On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ
Le trasmissioni consuete di RADIO GAS riprenderanno regolarmente lunedì 31 Agosto. In loro sostituzione andranno in onda le nostre selezioni musicali.

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



James Blackshaw All Is Falling

Provenienza: Gran Bretagna

Anno: 2010

Genere: Fingerpicking Raga Dream Rock

Assomiglia a: Robbie Basho, Terry Riley, Balmorhea

Voto: ****

Brani migliori: Part 3, Part 4, Part 5

 


James Blackshaw è un giovane chitarrista inglese che si è fatto conoscere nella scena indie come virtuoso della chitarra acustica a 12 corde. I suoi primi dischi rilucevano del suono risonante e ipnotico di questo strumento e mescolavano John Fahey e Robbie Basho agli echi di musica classica e raga indiani. Poi Blackshaw ha ampliato la tavolozza dei suoi colori e, con opere come The Glass Bead Game e quest'ultimo All Is Falling, ha chiamato a coadiuvarlo una vera e propria piccola orchestra da camera, abbandonando la 12 corde acustica per l'elettrica e dando sempre più spazio al pianoforte e agli archi.
Come per altre delle uscite più interessanti dell'anno, e basti pensare ai Balmorhea e a Joanna Newsom, anche qui prevale una musica in forma di stream of consciousness, una suite puramente strumentale di 44 minuti che unisce i nomi sopracitati alle iterazioni minimali di Riley e Steve Reich (negli ultimi due movimenti, i più apocalittici). Convincendo ed avvincendo, tuttavia, soprattutto nella parte centrale, in cui gli intrecci della chitarra e il sottofondo mutevole degli archi evocano addirittura il glorioso progressive romantico di Anthony Phillips (altro virtuoso della 12 string!) e Mike Oldfield.
Per ascoltatori onnivori e curiosi.
 Luca Perlini