On Air Stiamo trasmettendo:
Nightswimming con Federico Salpietra

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Johnny Lang – Live At The Ryman

 Anno di pubblicazione: 2010


Provenienza: USA


Genere: blues


Voto: ***1/2


Brano migliore: I Am


Commento: qualche anno fa il mondo del blues veniva sconvolto dall'avvento di una serie di chitarristi giovanissimi, dotati di abilità supersonica, feeling triste e voce cavernosa come quella di un alcolizzato settantenne. Johnny era uno di loro: emerse appena quattordicenne come il più credibile successore di B.B. King e Muddy Waters, lasciando tutti attoniti riguardo alla sua completa padronanza di un linguaggio musicale così scomodo da vivere in quanto teenager. E' inutile nascondersi che il nostro eroe non è poi cresciuto bene, non ritrovando più quell'ispirazione che aveva fatto allora gridare al miracolo. Adesso, ormai abbondantemente trentenne, Johnny Lang torna con un lavoro dal vivo finalmente convincente in cui riesce a mischiare con successo blues e soul (semplicemente strepitosa la lunga cover di I Am di Prince).

Lode dunque a questo chitarrista biondo che si era perso ed ha invece saputo ritrovarsi.

Assomiglia a: Robert Cray, Kenny Wayne Sheperd

Dove ascoltarlo: come colonna sonora alternativa del film The Blues Brothers.


 Lorenzo Allori