On Air Stiamo trasmettendo:
Rock Blues

Parola di DJ
Le nostre trasmissioni consuete sono riprese da oggi dopo la pausa natalizia

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Jon Strider – Soul Reunion

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: U.S.A.

Genere: classic rock, soul

Voto: **1/2

Brano migliore: Distance Do Me Good


Commento: La geografia della musica a volte può essere complicata. Tutti conosciamo il buon ritiro europeo di musicisti jazz leggendari come Chet Baker, Kenny Clarke o Bud Powell, ma anche la storia di un Elliott Murphy, ormai dimenticato in patria e rocker viceversa famosissimo in Francia. Il tastierista e cantante californiano Jon Strider è emigrato fino in Svezia per poter vivere della propria musica ed ascoltando questo suo nuovo Soul Reunion ne emergono abbastanza chiaramente i motivi. Negli States ci sono infatti decine e decine di giovani musicisti ed ancora di più veterani che riescono a suonare un rock quieto, profondamente venato di soul notturno e di gospel. Queste sono le coordinate musicali seguite da Strider, ma anche il suo limite poiché uqelli di cui sopra riescono anche meglio di lui. In brani come Distance Do Me Good o Strong In Spirit appaiono anche arrangiamenti molto pop, come un sax sulla seconda, che potrebbe uscire direttamente dalla Your Latest Trick dei Dire Straits. E questo è tutto.


Assomiglia a: Bill Fay, Randy Newman, Dire Straits

Dove ascoltarlo: nel tratto di Mare del Nord che separa la Svezia dalla Danimarca.


 Lorenzo Allori