On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Mumford & Sons – Wilder Mind

Anno di pubblicazione: 2015

Provenienza: Gran Bretagna

Genere: pop rock

Voto: *1/2

Brano migliore: Broad-Shouldered Beasts


Commento: Il singolo Believe era apparso quanto mai minaccioso ed in effetti Wilder Mind conferma tutti i cattivi presagi. Abbandonato l'indie folk dei primi due album, Marcus Mumford ed i suoi hanno deciso di elettrificare (e talvolta anche elettronificare) le proprie canzoni. Naturalmente nessuno nega il diritto a degli artisti di fare progredire la propria carriera, l'unica cosa che era lecito attendersi era un'evoluzione coerente con il percorso precedente. Invece la band dimostra quanto già sospettato in passato: l'utilizzo del banjo in chiave ritmica nascondeva soltanto la voglia di fare i milioni, quelli veri, quelli con la M maiuscola. Wilder Mind supera a destra il rock elettrico e si attesta nel campo del pop da classifica più insulso e patinato. Si salvano veramente poche cose (Broad-Shouldered Beasts o la melodia della title track), mentre il folk rimane l'ingrediente principale giusto dell'inizio di Monster e della brevissima Cold Arms. Il nuovo album dei Momford & Sons è da evitare come la peste.


Assomiglia a: ai peggiori Coldplay (somiglianza a tratti impressionante).

Dove ascoltarlo: nella filodiffusione della metropolitana
 Lorenzo Allori