On Air Stiamo trasmettendo:
Marco Monzali

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Steve Earle & The Dukes – Terraplane

Anno di pubblicazione: 2015

Provenienza: U.S.A.

Genere: country blues

Voto: ***

Brano migliore: Better Off alone


Commento: Da qualche anno Steve Earle si è sempre più sistemato comodamente sull'apice della muraglia che divide la black music dalla musica dei bianchi americani. Il country man che ha scritto Guitar Town o My Old Friend The Blues non esiste più da tempo e questo è chiaro a molti. Rispetto agli ultimi lavori, in cui Earle aveva flirtato (con poco successo) con soul ed addirittura hip hop, qui la materia trattata è essenzialmente il blues. Steve lo fa con entusiasmo e riferendosi soprattutto ai pionieri del genere (ed è chiaro fin dall'esplicita dedica a Robert Johnson, rappresentata dal titolo dell'album). Il nostro rispolvera i Dukes, sua storica band di accompagnamento, tralasciando però le potenti chitarre elettriche che avevano contraddistinto l'ottimo Trascendental Blues (2000), in favore di un sound a volte acustico o comunque mai niente più che elettro - acustico. Earle sta lentamente ritrovando la forma migliore e lo fa mostrando tutto l'eclettismo che corre tra King Of The Blues (sorta di riscrittura di Hey Joe) e la divertita western swing ballad Baby's Just As Mean As Me.


Assomiglia a: Robert Johnson, Willie Nelson, Charlie Musselwhite

Dove ascoltarlo: nel saloon migliore della città.

 Lorenzo Allori