On Air Stiamo trasmettendo:
Slow Emotion

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Terry Lee Hale – Bound, Chained, Fettered

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: U.S.A.

Genere: folk

Voto: ***

Brano migliore: Bound, Chained, Fettered


Commento: Possiamo definire Terry Lee Hale come un musicista dalle molte vite artistiche. Ha ormai più di sessanta anni ed è ancora piuttosto sconosciuto ai più. Alla fine degli anni '80, dal natìo Texas si spostò a Seattle per incidere con la Sub Pop. Questo gli attirò le simpatie di band quali Screaming Tress e Soundgarden, ma la musica di Terry era molto lontana dall'alternative rock. Volendosi soffermare solo sulla celebrata scuderia Sub Pop, l'unica band con uno stile a lui affine erano i Walkabouts. Si tratta dunque di folk e di tutte le sue ramificazioni (oggi si direbbe "americana"). Nel corso degli anni Hale ha riscosso un relativo successo in Europa (soprattutto in Francia, ove risiede, ed in Germania) ed è per questo che si è affidato ai nostri Sacri Cuori come "supporting band" per registrare questo nuovo album. Le atmosfere di Bound, Chained, Fettered rimandano ad un folk polveroso, mischiato con jazz e blues; sicuramente di grande raffinatezza, con l'unica pecca di essere forse povero di empatia.


Assomiglia a: Lambchop, Mark Knopfler

Dove ascoltarlo: in un jazz club parigino.

 Lorenzo Allori