On Air Stiamo trasmettendo:
The Golden Age

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



The Legendary Shack Shakers – The Southern Surreal

Anno di pubblicazione: 2015

Provenienza: U.S.A.

Genere: classic rock, rockabilly, blues

Voto: ***1/2

Brano migliore: Cold


Commento: Il rockabilly degli anni '50 è stato per davvero progenitore del punk. Si trattava di una musica violentissima, che voleva scuotere l'ascoltatore dal proprio torpore. Anche i vari revival hanno strizzato spesso l'occhio al punk rock ed i Legendary Shack Shakers in questo senso non sono stati da meno. Dopo però quasi venti anni di onorata carriera, la band ha deciso di pagare tributo alle proprie radici sudiste (il quartetto proviene dal Kentucky). The Southern Surreal inizia con un potente riff slide (Cow Tools) e poi prosegue in una sarabanda che tocca blues "explosivo" (Mud), blue collar rock (Cold), tex mex di quelli scatenati (Dead Burry The Dead) e perfino un omaggio scoperto a Tom Waits (Down To The Bone). Su tutto aleggia un gusto assolutamente sudista, che si sublima nella splendida cover di Born Under A Bad Sign di Albert King (in origine registrata a Memphis, durante il periodo d'oro della casa discografica Stax). Provate a fermare i piedi, se vi riesce farlo.


Assomiglia a: Jon Spencer Blues Explosion, Stray Cats, Jim Jones Revue

Dove ascoltarlo: in un ristorante della catena Kentucky Fried Chicken.
 Lorenzo Allori