On Air Stiamo trasmettendo:
Musica Italiana

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



5 Gruppi da rispolverare

 5 gruppi da rispolverare, riscoprire o anche solo accorgersi che esistono. 
 NERORGASMO
  Magistrali, di una cattiveria disumana e circondati dall'alone di leggenda che vuole che il frontman, Luca Abort, abbia subito un cambio di voce così repentino a causa di una bottiglia rotta che gli avrebbe danneggiato le corde vocali. Magari non è vero niente, e non pare nemmeno troppo plausibile, ma la voce isterica che uscì fuori è decisamente degna di nota, qualsiasi siano stati i motivi  (effettivamente Luca Abort fu attaccato a Genova da un gruppo di naziskin che gli rifilarono una coltellata alla gola, costatagli 12 punti di sutura).
Attivi a Torino fra gli anni '80 e i '90, i Nerorgasmo erano una delle basi dell'hardcore punk italiano, insieme a gruppi come Negazione, Indigesti e Declino: diversi da tutti e con un occhio per le melodie che molti non avevano, i Nerorgasmo hanno lasciato un ep del 1985, Nerorgasmo Lp del 1993, stesso anno del Live a El Paso, e una raccolta nel 2011 uscita dopo la morte di Abort.

 

Da ascoltare: Nerorgasmo, Passione nera, Giorno, Tutto uguale.

 

 Eluveite
Siamo chiari, se ascoltate folk metal e non vi siete accorti che esistono gli Eluveitie avete bisogno di un buon paio di occhiali; tutti gli altri sono giustificati. Questi ragazzi provenienti dalla verde Svizzera hanno finalmente ottenuto il successo che si meritano con Slania,  
uscito nel 2006, lavoro preceduto da Ven e Spirit, rispettivamente del 2003 e del 2006, ed hanno dimostrato di non perdere colpi nemmeno a pagarli oro con Evocation I: The Arcane Dominion, Everything Remains (As It Never Was) e Helvetios, disco imperdibile uscito nel 2012 per Nuclear Blast. Unendo la cattiveria del growl alla voce di Anna Murphy e a strumenti quali flauto, violino e ghironda, gli Eluveitie mettono su bombe di cattiveria niente male, unendo inglese, gallico e lingue ormai non più utilizzate e rispolverate.

 

Da ascoltare: Omnos, Inis Mona, Thousandfold, Alesia.

 

  Topsy The Great
 
 Pillola di rumore compresso proveniente dalla Prato dei telai, i Topsy The Great nascono dalla fusione di due defunti gruppi della zona: Just Dogs e Funny Noise, prendendo il nome da un elefante ucciso a Coney Island tramite elettrocuzione, dopo che aveva causato la morte di tre persone nel corso degli anni, fra cui il suo addestratore. Il fatto che l'elefante avesse ragione, e che gli girassero probabilmente i cosiddetti, si riflette perfettamente in questo trio toscano che fornisce musica noise decisamente rumorosa e del tutto strumentale, macinando decibel come solo un cingolato riuscirebbe a fare. Da tenere decisamente d'occhio.

 

Da ascoltare: Bastoni, Giangol, Lalboom, Minuto.

 

 

  Hanoi Rocks
Decisamente più famosi dei colleghi riportati sopra, e decisamente dimenticati dai più, gli Hanoi Rocks sono i padri dello street metal di cui i Guns N'Roses diventarono la stella più splendente fra gli anni '80 e gli anni '90. Finlandesi, capelloni e stratruccati, gli Hanoi Rocks unirono il rock n'roll alle chitarrone e all'ombretto, dando il via a un fenomeno musicale che sarebbe stato impossibile ignorare 
Nati nel 1979 ispirandosi a Rolling Stones e New York Dolls, gli Hanoi Rocks sono stati attivi nella prima metà degli anni '80 prima di fare l'errore madornale di riformarsi nel 2002. Una delle cause dello scioglimento? La morte del batterista Razzle, rimasto ucciso in un incidente d'auto. Vince Neil, il cantante dei Motley Crue, era decisamente ubriaco quando decise di dargli un passaggio.

 

Da ascoltare: Malibu Beach Nightmare, I Feel Alright, Taxi Driver, Under My Wheels.

 

 

  Mother Love Bone 

  Famosi anche loro, di breve durata anche loro, con un morto anche loro: i Mother Love Bone avrebbero potuto essere grandi se il cantante Andrew Wood non avesse deciso che la droga era più importante della vita, morendo d'overdose di eroina. A
Aprirono per gli Alice In Chains e diedero il loro personale via alla scena grunge di Seattle, anche se decisamente a modo loro: chitarrone pesanti lasciano il posto a rasoiate elettriche decisamente inquietanti. La band formatasi dalle ceneri dei Green River ha lasciato un ep , un disco e una raccolta: Shine, Apple e Mother Love Bone. Peccato. Avrebbero potuto stendere tutti.

 

Da ascoltare: This Is Shangrila, Come Bite The Apple, Stargazer, Mr.Danny Boy.

 

  Valentina Ceccatelli