On Air Stiamo trasmettendo:
Spazio Progressive

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Referundum Radiogas 2019

   Ecco i risultati del Referendum interno di Radiogas
MIGLIOR ALBUM INTERNAZIONALE
 

1)BRUCE SPRINGSTEEN "Western Stars"


2) UNKLE "The Road Part II/Lost Highway"

3) CHEMICAL BROTHERS "No Geography", LEONARD COHEN "Thanks for the Dance", COLDPLAY "Everyday Life"

6) TOOL "Fear Inoculum"

7) LINDEMANN "Lindemann", NATIONAL "I Am Easy to Find", OPETH "In Cauda Venerum", RAMMSTEIN "Rammstein", STEREOPHONICS "Kind", THOM YORKE "Anima"

Il Boss vincerebbe il nostro referendum anche se un giorno decidesse di cantare l'elenco del telefono, tanta è l'adorazione della nostra redazione nei suoi confronti. E' la sua terza vittoria nella categoria più importante del nostro referendum ma anche, diciamocela, la meno meritata. Western Stars non è certo un grande album, anche se Springsteen assicura sempre uno standard elevato, anzi è probabilmente uno dei suoi peggiori. Esito quindi un po' scontatino del nostro referendum che però si rifà ampiamente col secondo posto dello splendido album degli Unkle, gruppo che meriterebbe una popolarità ben più vasta di quella che riscuote. Menzione speciale anche per l'album postumo di Cohen e per quello dei Coldplay, il migliore tra quelli che Chris Martin & C. hanno fatto negli ultimi dieci anni. Curioso l'ex-aequo di Lindemann e Rammstein, meritato il piazzamento dell'ennesimo gioiellino degli Stereophonics. Il mio album del 2019? "I Am Easy to Find" dei National, solo settimo ahimè. Destino cinico e baro.

ALBO D'ORO - 2007 Radiohead "In Rainbow" 2008 Sigur Ros "Meo Suo I Eyrvumuld" 2009 Pearl Jam "Backspacer" 2010 Peter Gabriel "Scratch My Back"/Bruce Springsteen "The Promise" 2011 Adele "21" 2012 Bruce Springsteen "Wrecking Ball" 2013 David Bowie "The Next Day" 2014 Foo Fighters "Something From Nothing" 2015 Blur "The Magic Whip" 2016 David Bowie "Blackstar" 2017 Depeche Mode "Spirit"/Gorillaz "Humanz" 2018 Ben Harper & Charlie Musselwhite "No Mercy in This Land"

  
 MIGLIOR ALBUM ITALIANO
 

1VINICIO CAPOSSELA "Ballate per Uomini e Bestie"

 
 

2) A.A.V.V. "Note di Viaggio (tribute a Guccini)", NICCOLO' FABI "Tradizione e Tradimento", NADA "Materiale Domestico", THE ANDRE "Affinità Elettive"

Tutti giusti stavolta i verdetti di questa categoria. Capossela ci ha fatto tirare un sospiro di sollievo, dopo che avevamo temuto il suo tramonto dopo l'orrendo album precedente, ma Vinicio ha battuto un colpo, ricordando a tutti che l'ultimo grande fuoriclasse della musica italiana è lui. Bene anche il gruppo dei secondi: il tribute a Zio Francesco è discontinuo ma contiene delle perle, Fabi resta il migliore della generazione cantautorale di mezzo, Nada è sempre maledettamente brava. E poi quel portento di The Andre, di cui però parleremo ampiamente più sotto.

ALBO D'ORO - 2007 Cristina Donà "La Quinta Stagione"/Gianna Nannini "Grazie"/Franco Battiato "Il Vuoto" 2008 Baustelle "Amen" 2009 Il Teatro degli Orrori "A Sangue Freddo"/Dente "L'Amore Non è Bello" 2010: A Toys Orchestra "Midnight Talks" 2011 Caparezza "Il Sogno Eretico" 2012 Il Teatro degli Orrori "Il Mondo Nuovo" 2013 Baustelle "Fantasma" 2014 Fabi Silvestri Gazzè "Il Padrone della Festa" 2015 Max Gazzè "Maximilian" 2016 Daniele Silvestri "Acrobati" 2017 Caparezza "Prisoner 709"/Bobo Rondelli "Anime Storte" 2018 A Toys Orchestra "Lub Dub"

  
MIGLIOR BRANO INTERNAZIONALE

1) LEWIS CAPALDI "Someone You Loved", LEONARD COHEN "Happens to the Heart", FOALS "In Degrees", MARK LANEGAN "Paper Hat", JOHN MAYER "I Guess I Just Feel Like", METRONOMY "Salted Caramel Ice Cream", RAMMSTEIN "Deutschland", BRUCE SPRINGSTEEN "The Wayfarer", TONES AND I "Dance Monkey", TOOL "Fear Inoculum", TRIGGER HIPPY "Born to Be Blue", NEIL YOUNG "Green is Blue"

Dodici brani ex-aequo (!) equivalgono a una non assegnazione, segno che quest'anno, peraltro migliore del precedente, non ci ha offerto dei grandi brani ma solo una buona playlist. Il mio pezzo dell'anno non c'è: "Not in Kansas" dei National.

ALBO D'ORO - 2007 Amy Winehouse "Rehab"/Eddie Vedder "Society"/Foo Fighters "The Pretender" 2008 Coldplay "Viva la Vida" 2009 Decemberists "The Wanting Comes in Waves"/Editors "Papillon"/Gossip "Heavy Cross" 2010 Gogol Bordello "My Companera"/The National "Bloodbuzz Ohio" 2011 Adele "Someone Like You" 2012 Gotye "Somebody That I Need To Know" 2013 Daft Punk "Get Lucky" 2014 Foo Fighters "Something for Nothing"/Pink Floyd "Louder than Words"/Slash "World on Fire" 2015 David Bowie "Blackstar" 2016 David Bowie "Lazarus" 2017 Unkle & Mark Lanegan "Looking for the Rain" 2018 Gorillaz "Humility"

 
 MIGLIOR BRANO ITALIANO

1) FRANCO BATTIATO "Torneremo Ancora" e ACHILLE LAURO "Rolls Royce"

3) CESARE CREMONINI "Al Telefono", C'MON TIGRE "Guide to Poison Tasting", FRANCESCO GUCCINI "Natale a Pavana", I HATE MY VILLAGE "Chennedi", THE ANDRE "Fumo Bianco", ZEN CIRCUS "Canta che ti Passa", ZUCCHERO "Freedom"

Mi vergogno. Il peggior verdetto di sempre nella storia ultradecennale di questo referendum. Premiare come miglior brano italiano dell'anno quella indegna truzzata di Achille Lauro è roba da chiudere la radio e proclamare un mese di lutto per la scomparsa del buon gusto. Dispiace dirlo, ma anche il pezzo di Battiato è assai mediocre, testimone dell'irreversibile declino di un grande artista. Nelle retrovie segnalo la magnifica cover di The Andre e l'ennesimo bel pezzo degli Zen Circus.

ALBO D'ORO - 2007 Cristina Donà "Universo"/Marlene Kuntz "Uno" 2008 Jovanotti "A Te"/Baustelle "Charlie fa Surf" 2009 Franco Battiato "Inneres Auge" 2010 Litfiba "Sole Nero"/Zucchero "E' un peccato morir" 2011 Jovanotti "Ora"/Verdena "Scegli Me" 2012 Afterhours "Padania"/Niccolò Fabi "Una Buona Idea" 2013 Elisa "L'Anima Vola" 2014 Fabi Silvestri Gazzè "L'Amore non Esiste" 2015 Max Gazzè "La Vita com'è"/Iosonouncane "Stormi" 2016 Zen Circus "L'Anima non Conta" 2017 Caparezza "Ti fa stare bene" 2018 Maneskin "Torna a Casa"/Thegiornalisti "Felicità Puttana"/Zen Circus "Catene"

 MIGLIOR ARTISTA EMERGENTE INTERNAZIONALE

  

1) BILLIE EILISH

2) LEWIS CAPALDI e STARCRAWLER

 

Terna interessante. Billie Eilish personalmente non mi fa impazzire ma è sicuramente brava, Lewis Capaldi potrebbe essere l'erede di James Blunt e di Ed Sheeran sul trono del pop melodico, gli Starcrawler sono straordinariamente divertenti, un mix di glam rock e di bubble punk frizzantissimo e simpatico.

ALBO D'ORO - 2007 non assegnato 2008 Fleet Foxes/Amy MacDonald 2009 Get Well Soon/Gossip 2010 non assegnato 2011 Anna Calvi/Laura Marling 2012 Of Monsters and Men 2013 Lorde 2014 Blues Pills/18+/George Ezra/Temples 2015 Algiers/Benjamin Clementine 2016 non assegnato 2017 non assegnato 2018 Greta van Fleet

MIGLIOR ARTISTA EMERGENTE ITALIANO

 

1) THE ANDRE

2) ANDREA LASZLO DE SIMONE, GAZZELLE e MAHMOOD

 

Vero, Gazzelle e Mahmood fanno cagare ma gli altri due nomi presenti sul podio sono da standing ovation. De Simone è il miglior talento italiano degli ultimi anni, un Tim Buckley torinese assolutamente anomalo alle nostre latitudini, fatta eccezione forse solo per qualche assonanza con il primo Sorrenti. The Andre è semplicemente un genio: fare la copia carbone della voce di Faber e reinterpretare la trap alla maniera del grande genovese è un'operazione di riscrittura incredibile. Dal letame di Chadia Rodriguez (Fumo Bianco) o del Trucebaldazzi (Vendetta Vera) ha fatto nascere due fiori: si può essere più deandreiani di così?

ALBO D'ORO - 2007 A Toys Orchestra/Ministri 2008 Gran Progetto/Le Luci della Centrale Elettrica 2009 Dente 2010 Dente/Esterina/Piet Mondrian/Ufomammut 2011 I Cani 2012 Il Cile/Sycamore Age/Thony 2013 Levante 2014 Omosumo 2015 Iosonouncane 2016 Thegiornalisti 2017 La Rappresentante di Lista 2018 Maneskin

MIGLIOR ALBUM DEGLI ANNI DIECI

 

1) DAVID BOWIE "Blackstar"

2) DAFT PUNK "Random Access Memories"

3) ARCADE FIRE "Reflector", NICK CAVE "Skeleton Tree", COLDPLAY "A Hand Full of Dream", RADIOHEAD "A Moon Shaped Pool"

Categoria speciale e prevedibilissimo trionfo del magnifico testamento musicale del Duca Bianco. Esagerato l'argento del duo francese col casco, buono, commercialmente fortunato ma nulla de che. Hit per hit, non era più giusto premiare quel gioiello pop di "21" di Adele? Nota interessante quanto preoccupante: tutte le prime sei posizioni sono occupate da artisti e gruppi nati prima del 2010, in cinque casi addirittura nel Ventesimo Secolo.

 

  Marco Monzali