On Air Stiamo trasmettendo:
Marco Monzali

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Dr. John & Friends – The Musical Mojo Of Dr. John: Celebrating Mac & His Music

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: U.S.A.

Genere: rhythm n'blues, funk, southern rock

Voto: ***1/2

Brano migliore: You Lie


Commento: Dr. John è una leggenda della musica di New Orleans e su questo non ci piove. Questo doppio cd dal vivo è però in parte un'occasione persa. Il buon dottore si fa accompagnare da moltissimi amici, che lo aiutano a reinventare alcune canzoni del suo repertorio (ovviamente, soprattutto nella prima parte, ci sono anche diverse cover). La qualità è però molto diseguale poiché non tutti gli artisti si integrano bene con il New Orleans Sound. Ad esempio Bruce Springsteen o Ryan Bingham appaiono dei pesci fuor d'acqua. Così come i musicisti cajun presenti tendono a perdere il confronto con la raffinatezza esecutiva del pianoforte di Mac Rebennack. Il meglio lo si ha dunque con la nutrita pattuglia southern rock (Warren Haynes, Widespread Panic, Chuck Leavell, Jason Isbell, quest'ultimo con un assolo di slide scintillante in Blow Wind Blow) e con coloro che meglio sanno interpretare gli stilemi della balck music (straordinaria Mavis Staples con Lay My Burden Down). Poi arriva il set del Dottore e naturalmente stende tutti, con un sound probabilmente ancora più jazzato del suo solito, anche grazie alla tromba di Terence Blanchard (Rain). La migliore interpretazione ce la regala però il già citato Warren Haynes, che decide di stravolgere a dovere You Lie, una delle canzoni contenute nel recente album di Dr. John prodotto da Dan Auerbach dei Black Keys (Locked Down). Sul palco sale anche il grande Allen Touissaint (Life) e credo proprio che si tratti della sua ultima registrazione prima della morte, avvenuta a fine 2015.


Assomiglia a: Dr. John che suona con la Allman Brothers Band alle proprie spalle.

Dove ascoltarlo: si può ascoltare solo su un palco di New Orleans.

 Lorenzo Allori