On Air Stiamo trasmettendo:
Fatti e misfatti con Marco Monzali e Paolo Balestri

Parola di DJ
Causa trasferimento della sede le trasmissioni consuete di Radio Gas riprenderanno solo giovedì 18 Gennaio. In loro sostituzione vanno in onda le nostre selezioni musicali

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Eli “Paperboy” Reed – My Way Home

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: U.S.A.

Genere: soul, gospel

Voto: ***1/2

Brano migliore: The Strangest Thing


Commento: Faccia da rocker impertinente, Eli "Paperboy" Reed ha una storia esemplare di redenzione musicale in salsa U.S.A. Narrano le cronache che il nostro, nato in un piccolo centro del Massachusetts, abbia avuto più di qualche problema di condotta da ragazzo. Poi il viaggio di redenzione fino al lontano Mississippi ed il colpo di fulmine verso il gospel, con relativa conversione al cristianesimo militante. Adesso Reed è da qualche anno un combattente della musica di Dio e basta vederlo sulla copertina di My Way Home, vestito da pugile su un vecchio ring per rendersene conto. Fin dall'iniziale Hold Out lo stile risulta chiaro: uno shout continuo, con tanta passione e zero misura. Non ci sono finezze nella musica di questo album, soltanto una rincorsa verso la redenzione, guidata dalle urla del predicatore più convincente che abbiate mai conosciuto. Perché potrebbe essere il vostro compagno di banco un po' dispettoso.


Assomiglia a: Wilson Pickett che canta gospel in una scalcinata congregazione del Sud.

Dove ascoltarlo: ai bordi di un ring.