On Air Stiamo trasmettendo:
The Boiler con Marco Monzali

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Jimmy Barnes – Soul Searchin’

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: Australia

Genere: soul

Voto: ****

Brano migliore: Hard Working Woman / In A Broken Dream


Commento: Jimmy Barnes è un veterano del "blue collar rock" proveniente dall'Australia. La sua grandissima passione per il soul questa volta l'ha portato a trasferirsi a Memphis dove, nei leggendari studi della Stax, ha realizzato questo formidabile album. Il disco vede l'utilizzo di session men del Tennessee ed il recupero di alcuni brani degli anni '60 non particolarmente noti (se si escludono Dark End Of The Street di Dan Penn e Cry To Me di Solomon Burke). Lo stesso Dan Penn e la leggendaria chitarra di Steve Cropper prendono parte a quella che è una vera e propria festa per le orecchie. Barnes canta con forza, grinta e passione, mentre le canzoni sembrano letteralmente prendere il volo grazie al suo impeto. L'album è di difficile reperibilità, ma dovete assolutamente ascoltarlo, in particolare nella sua versione "de luxe". In questa versione espansa infatti viene aggiunto un secondo cd con otto brani esclusi dalla scaletta ufficiale (denominato The Soul Searchin' Sessions). Qui si trovano canzoni viceversa notissime al grande pubblico (Mustang Sally, In The Midnight Hour, You've Got My Mind Messed Up, Suspicious Minds), interpretate tutte in maniera magistrale da Barnes. Da segnalare tra questi "scarti" la potente chitarra hard blues di Joe Bonamassa, che nobilita la ballata In A Broken Dream. Soul Searchin' è destinato a rivaleggiare con Changes di Charles Bradley per il titolo di miglior album soul del 2016.


Assomiglia a: Southside Johnny & The Asbury Jukes, Andrew Strong, Wilson Pickett

Dove ascoltarlo: in un casinò semivuoto, all'ora di chiusura.