On Air Stiamo trasmettendo:
Alto Volume con Valentina Ceccatelli

Parola di DJ
Le trasmissioni consuete di RADIO GAS riprenderanno regolarmente lunedì 31 Agosto. In loro sostituzione andranno in onda le nostre selezioni musicali.

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Tonino Carotone Live @ Flog Firenze 24/01/2009

 

 

Tonino Carotone è tornato! E lo ha fatto non solo con un disco bellissimo, intitolato "Ciao mortali!", a cui hanno collaborato nomi illustri come Manu Chao, Gogol Bordello e i nostri Bandabardò, ma anche con un grande tour che l'altra sera ha toccato la Flog di Firenze, e mi ha visto testimone di una performance grandiosa...

 

Chi non conosce Carotone (al secolo Antonio De La Cuesta, classe 1970), sicuramente falla di tutta una commistione di cose che questo artista è riuscito a fondere insieme, senza artifici.


Sto parlando del grande amore di Tonino verso una musica italiana "tradizionale", da Carosone (da cui trae e omaggia il nome) ad artisti come Fred Buscaglione e tanti altri, che conferiscono allo stile di Carotone un imprinting "made in italy" confezionato ad arte. Ma principalmente, a parte alcune grandiose cover del nostro repertorio ("Sapore di sale" di Paoli, rivisitata in chiave rivoluzionaria, o Storia d'amore di Celentano, che ha saputo cucirsi addosso...), si può dire che la sua Barcellona, col suo calore e colore, è in primo piano, il tutto mixato al coinvolgente groove a tratti molto ska della macchina dal vivo davvero convincente.

Il concerto, che per agevolare i soliti nostrani motivi calcistici è iniziato verso le 23.00, è stato aperto in maniera prorompente col brano "Il santo", opener anche del disco, dove si sono delineate le linee guida tracciate da una presenza scenica di gran classe, smoking e bastone come il miglior Modugno, e un ritmo sostenuto che necessariamente è stato intervallato anche dai momenti più particolari, come la cover di "Parole, parole" eseguita dalla corista in maniera impeccabile e "Tu vuo fa' l'americano". Oltre a pezzi tratti dal nuovo album (su tutti "De Vuelta Por Buenos Aires" e "Primaverando") non sono mancati come già detto alcuni pezzi oramai definibili classici del decennale repertorio, dove su qualsiasi cosa comunque ha svettato l'attesissima e finale "Me cago en el amor", il pezzo primordiale del repertorio, eseguito in una versione incredibilmente ricca e dilungatasi in virtuosismi solistici dei vari componenti che hanno spaziato nelle loro varie influenze addirittura citando i Kiss (!!!). Io c'ero.

Daniele Nuti