On Air Stiamo trasmettendo:
Fatti e misfatti con Marco Monzali e Paolo Balestri

Parola di DJ
Causa trasferimento della sede le trasmissioni consuete di Radio Gas riprenderanno solo giovedì 18 Gennaio. In loro sostituzione vanno in onda le nostre selezioni musicali

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



dEUS Live @ Viper Firenze 28/10/2008

Concerto attesissimo quello dei dEUS a Firenze. Poche volte avevo trovato un nutritissimo pubblico in attesa dell'evento già dalle 21:30. E attesissimo anche quì in redazione a Radiogas vista la nutrita presenza di conduttori, una decina abbondante. Cosa che mi semplifica anche la vita visto che basterà riportare i vari commenti dei conduttori sia catturati direttamente che "rubati" da quell'enciclopedia di pensieri che è facebook. La maggioranza ha sostenuto di aver assistito ad un bel concerto (io compreso), qualcuno invece,  ha un pò storto il naso. Tom Barman e soci suonano benissimo e la resa acustica del Viper gli rende giustizia. Come una vettura ben guidata ma purtroppo alimentata a diesel il concerto parte un pò piatto ma poi decolla e trova i suoi momenti più belli e intensi nella seconda parte.

La "setlist" della serata che potete vedere quì a fianco (PhotoAllMe) accinge tanto dal loro ultimo disco, ben cinque le tracce proposte da Vantage Point con la sorprendente esclusione dell'ultima heavy-video-rotation, complice anche la presenza di una Martina Stella quasi irriconoscibile,  Eternal Woman. Per il resto si attinge democraticamente da un pò tutto il repertorio con un occhio di riguardo a Pocket Revolution che il sottoscritto ritiene il loro capolavoro. Il pubblico, tanto e variegato, risponde bene e il concerto a mio avviso merita nettamente la sufficienza.  

I detrattori, pochi per la verità, non hanno forse gradito la durata del concerto, un'ora e mezzo scarsa, e la mancanza di "impatto" nella prima parte del concerto.

Nota di merito, a detta del nostro Diretùr, per il bassista Alan Gevaert.

Andrea Olmi