On Air Stiamo trasmettendo:
Indie Nation

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Eric Chenaux – Skullsplitter

Anno di pubblicazione: 2015

Provenienza: Canada

Genere: noise, folk, elettronica

Voto: ***

Brano migliore: Skullsplitter


Commento: Il chitarrista e sperimentatore canadese è giunto ormai al suo quinto album che, lo dico subito, è il più "accessibile" della sua carriera. Metto le virgolette perché la parola accessibile accanto al nome di Chenaux è una specie di ossimoro in sé. Gli ingredienti sono i consueti: melodie evanescenti di stampo vagamente soul e cantate rigorosamente in un ottimo falsetto, chitarra dissonante e quasi incerta nel suo perdersi dietro quelli che sembrano refoli d'aria, elettronica soffice sulla quale si appoggia talvolta il resto. Nessun altro musicista oltre al nostro eroe. I brani più riusciti sono Have I Lost My Eyes?, Skullsplitter, Spring Has Been A Long Time Coming, Summer & Time e la rivisitazione dello standard jazz My Romance. Chenaux è sicuramente un artista molto originale, ma seguirlo richiede una fede ed una dedizione che evidentemente non sono da tutti.


Assomiglia a: Jandek con la voce di Jeff Buckley e la chitarra di Arto Lindsay.

Dove ascoltarlo: davanti ad un gigantesco murales.

                                                                 
 Lorenzo Allori