On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



ROBIN GUTHRIE & HAROLD BUDD Bordeaux

 

Provenienza: Inghilterra

Anno: 2011

Genere: Ambient

Voto: ****

Brani migliori: The Bells of Saint Andrews, Gaze, The Names of Those Never Here, Deva C


 

Immaginiamo una spiaggia bianca e lontana, offuscata, dissolta nello specchio opaco della memoria. Ce l’abbiamo lì, in testa, e crediamo di poterne da un momento all’altro intravederne dettagli, volti, suoni e rumori distanti, figure in movimento… Ma tutto rimane, invece, così sfumato che quello che vediamo è, in realtà, solo quello che vorremmo riuscire a vedere, e chissà se si è davvero mai verificato o è solo una figura del nostro desiderio, mentre la visione svanisce in profondità insondabili di tempo, o di spazio, e non sapremo mai se è una scheggia di passato ritornato all’improvviso o un’ipotesi di futuro possibile, o un presente alternativo a quello che, per una combinazione di opzioni irreversibili, abbiamo scelto e scegliamo in ogni momento di abitare.

La vera musica ambient è la perfetta colonna sonora di visioni come queste. Esperienze per cui capita di vedere con occhi nuovi anche le pieghe più consunte della quotidianità che ci troviamo a vivere… Tutto fuorché una musica ‘escapista’, e in questo ben diversa dalla new age più deteriore, la ambient intensifica la portata emozionale della più piccola e umile esperienza che possiamo vivere qui e ora, collegandola per vie insondabili al pozzo senza fondo dell’inconscio e all’infinita potenzialità del desiderio. Uno sguardo, un sorriso, un nome e il suo richiamo improvviso di un volto… Siamo qui allo stesso tempo tutto questo ci proietta altrove, un altrove indefinito, pieno di promesse e di inquietudine. Un altrove che le note lunghe, risonanti della ambient evocano quadrimensionalmente, avvolgendoci con echi e silenzi, trasportandoci con un tappeto luminoso di suoni nelle dimensioni infinite ed amplissime dello spazio e del tempo che poi, però, tornano lì. A quello sguardo, a quel sorriso. A quel volto. E a noi. Qui e ora.

Robin Guthrie e Harold Budd, in Bordeaux, ci parlano un po’ di tutto questo con i loro suoni, con le loro romanze senza parole iridescenti e alonate, con atmosfere di misteriosa serenità che nella prima parte del disco sfiorano l’assoluta intensità del capolavoro, raggiungendola nell’apice di dolcezza ultraterrena di The Bells of Saint Andrews. Dopo i brani si allungano e viene meno un po’ di concentrazione melodica, ma il fascino di ogni composizione qui raccolta rimane profondo. Da consigliare a chiunque abbia amato l’immenso Mysterious Skin, ma anche ai giovani seguaci di etichette come la Type e la Erased Tapes e musicisti come Richard Skelton, Dustin O’Halloran e Jon Hopkins.


 Luca Perlini