On Air Stiamo trasmettendo:
Marco Monzali

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Ulan Bator – Abracadabra

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: Francia

Genere: new wave, post rock

Voto: ***1/2

Brano migliore: Radiant Utopia


Commento: Dopo le sperimentazioni rumoristiche di En France / En Transe, Amaury Cambuzat riporta i suoi Ulan Bator su più canoniche sonorità, che mischiano progressioni post rock, psichedelica melmosa ed intuizioni dark wave. Come è spesso capitato, ad aiutarlo c'è James Johnston dei Gallon Drunk e questo non fa che arricchire il sound della band. Il brano più orecchiabile si intitola Coerrida ed è una notevole wave song con un titolo geniale, ma le cose migliori si hanno quando le durate dei brani si dilatano e gli Ulan Bator riescono a dispiegare tutte le proprie malate magie sonore (Longues Distances, Ether, Radiant Utopia, Golden Down). Non siamo ai livelli del quasi capolavoro Rodeo Massacre (2005), ma ci andiamo piuttosto vicini.


Assomiglia a: Gallon Drunk, Bauhaus, Ozric Tentacles

Dove ascoltarlo: come colonna sonora di un film di Harry Potter.
 Lorenzo Allori