On Air Stiamo trasmettendo:
Fatti e misfatti con Marco Monzali e Paolo Balestri

Parola di DJ
Causa trasferimento della sede le trasmissioni consuete di Radio Gas riprenderanno solo giovedì 18 Gennaio. In loro sostituzione vanno in onda le nostre selezioni musicali

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



CHI L'HA VISTA? - Norma Rangeri

Norma Rangeri spara a zero
sull'infotaiment e la lottizzazione politica

PICCOLO SCHERMO IGNOBILE
Tutto il peggio della tv da Berlusconi a Prodi

di David Fiesoli

Ora che si è saputo che invece di un mostruoso duopolio abbiamo sempre avuto uno scandaloso monopolio televisivo, perchè Mediaset e Rai si accordavano, il piccolo schermo è diventato piccolissimo. Come i tanga delle donnine che ci sgambettano dentro. Come i salotti televisivi e chi ci sta ospite, da Vespa tra i Crepet e le Palombelli, i Meluzzi e le Santanchè, e la scosciata di turno.

  Tutto sempre più piccino, come le idee e le coscienze di chi ci lavora, verrebbe da dire, leggendo il libro di una tra le penne più appuntite e spietate che abbiano scritto di tv: Norma Rangeri, seguitissima nelle sue rubriche su "Manifesto" e "Tirreno".

Lei, non fa sconti a nessuno: non è uno di quegli scribacchini il cui talento maggiore è la piaggeria, e infatti Bruno vespa non la invita in tv, ma va da Bertolino a Glob.


Rangeri è una dei pochi giornalisti televisivi che, davvero al servizio del telespettatore, racconta l'anomalia italiana partendo dal fatto che l'architrave che dà forma e sostanza all'intero edificio mediatico è il telegiornale, non solo perchè è il programma più visto e influenza l'orientamento dell'opinione pubblica ma anche perchè condiziona il resto della programmazione, scandisce i temi dell'agenda politica, e soprattutto lega le testate televisive agli editori di riferimento: i partiti.

"Se i telegiornali non si fossero trasformati in un campionario di gossip e sexy-calendari - scrive Rangeri - non avremmo assistito al porno-soft del sabato sera o alle domeniche bestiali con le protagoniste di Vallettopoli ingaggiate per l'intrattenimento familiare". E allo smutandamento generale, allo scandaloso modo con cui vengono rappresentate le donne in tv, alle clientele e alle carriere-miracolo, è dedicata la prima parte del libro, tra un Costantino che massaggia i piedi a Lele Mora e una Michelle Bonev che folgora Saccà, direttore generale della Rai. La seconda parte è una vera maratona nel perbenismo, nel voyeurismo e nell'horror, tra il Vespaio di Cogne, la processione Televaticana e la Guerra, madre di tutte le disinformazioni. Terza parte: l'informazione, da teleCraxi all'editto bulgaro con cui Berlusconi fece fuori Luttazzi, Biagi e Santoro.

Raccontare poi il Tg1 da Vespa a Riotta significa non solo ripercorrere tumultuose vicende politiche da Tangentopoli al berlusconismo, ma accorgersi anche che da Berlusconi a Prodi non è cambiato granchè, e il piccolo schermo resta sempre troppo piccolo per una società che vorrebbe compiere, passi in avanti. Per fortuna, scrive Rangeri, qualcosa di buono ogni tanto capita: come i Benigni, i Celentano, i Luttazzi (per fortuna tornato su La 7 con "Decameron"). E potremmo aggiungere "Report" della Gabanelli, il "Chi l'ha visto" di Federica Sciarelli, l'Anno zero di Santoro, il "Parla con me" della Dandini, "Che tempo che fa", Blob e Glob. Quasi tutto su RaiTre.

Il resto è "guerra dell'audience, anoressia culturale, bulimia sessuale, partitocrazia tv, abitudine al potere", dice Rangeri. E tra il peggio svetta il "Porta a porta" dell'inamovibile (ma perchè?) Bruno Vespa.

NORMA RANGERI
"Chi l'ha vista?"
Rizzoli, pp.314,
euro 17