On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ
Le trasmissioni consuete di RADIO GAS riprenderanno regolarmente lunedì 31 Agosto. In loro sostituzione andranno in onda le nostre selezioni musicali.

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



MARE, MARMO E MONTAGNA - Elisabetta Salvatori


RITRATTO D'ATTRICE

Elisabetta Salvatori si racconta in "Mare, marmo e montagna"

Di David Fiesoli


I racconti fatti di parola recitata, le storie raccontate e cantate, ora rimangono solide davvero, scritte nero su bianco, raccolte in un volume il cui titolo è affidato a un'allitterazione, "Mare, marmo e memoria", ovvero l'arte di Elisabetta Salvatori, attrice fortemarmina che, sola e minuta, riempie lo spazio scenico con le parole. Il libro raccoglie tutte le pièce teatrali che l'attrice ha portato in scena, da "la bella di nulla" a "Viola" dedicata a Dino Campana, da "La bimba che aspetta" a "Scalpiccii sotto i platani" sulla strage nazista di Sant'Anna di Stazzema, fino all'ultimo spettcolo "Vi abbraccio tutti", scritto insieme a Fabio Genovesi e Francesco Guccini. Ad accompagnare i testi degli spettacoli, anche note critiche, drammaturgie e confidenze che ripercorrono la carriera di Elisabetta Salvatori, attrice e autrice versiliese, fondatrice del Teatrino dei Favolanti.

 Il libro, edito da Titivillus, è ideato e curato da Tommaso Chimenti, giornalista e critico teatrale, mentre le fotografie sono di Francesca Pagliai. E' un affresco intimista che sa di mare e di monti, come la vita dell'artista a cui è dedicato, sospesa a metà tra la passione per il teatro e la pittura, tra la vita e il suo racconto, condito di ricordi e memorie. Prima decisa pennellata dell'affresco è proprio l'appassionata intervista all' "esile fatina" , fatta da Chimenti, che ripercorre sinceramente e senza reticente una carriera testarda e brillante, e incontri importanti come quello della Salvatori con Rigoberta Menchù o con Sepulveda, di cui l'attrice ha messo in scena "la gabbianella e il gatto", ma anche imbarazzanticome quello con lo scrittore Romano Battaglia.  

 Completano l'affresco teatrale, oltre ai testi, una serie di scritti sull'attrice: la sentita e spontanea testimonianza del poeta contadino Carlo Monni, le dediche dello sceneggiatore fabio Genovesi e del musicista Matteo Ceramelli che accompagna la Salvatori in tutti i suoi spettacoli, e l'omaggio dei critici Roberto Incerti, Gabriele Rizza, Francesco Tei e David Fiesoli. Il libro, lungi dal riproporre la solita trita antologia amarcord, presenta l'attrice nella sua umanità, più persona che personaggio. Tra i contributi anche un estratto de "L'americano" di Francesco Guccini. A raccontarci la genesi del libro è Tommaso Chimenti. "Questa pubblicazione era nell'aria da tempo- racconta il curatore- Elisabetta in più occasioni aveva manifestato il desiderio di raccogliere i testi dei suoi spettacoli in un'opera antologica. Un'idea che io e Francesca Pagliai abbiamo subito pensato di sostenere e incoraggiare. Da questa voglia collettiva di dar voce sulla carta al suo teatro di narrazione è nata questa pubblicazione. Un testo che mira a raccontare Elisabetta come donna più che come attrice, a svelare i dettagli, i vissuti e le atmosfere di un teatro volutamente intimista, affidato alla parola e alla memoria". Ne esce un ritratto polifonico, fatto di incontri e aneddoti, di voci, di piatti cucinati in casa con ingredienti semplici, che hanno contribuito a fare di Elisabetta Salvatori l'attrice che è oggi sul palco: sempre espressiva, appassionata, genuina come quel mondo che ci racconta abitato da personaggi di dure realtà, ai quali è impossibile non affezionarsi, ma anche da antichi mestieri, nenie e canzoni, modi di dire e credenze bisbigliate. Adesso come dieci anni fa, quando la sua avventura teatrale è cominciata, Elisabetta nelle vesti di una perfetta ambasciatrice e testimone, racconta e si racconta con il suo inconfondibile dialetto versiliese. Il libro, in un abbraccio di impressioni, teatrali e umane, racconta le tappe del cammino di questa attrice, innamoratasi per caso del teatro tanto da farne sue le orme.

ELISABETTA SALVATORI
"Mare, marmo, memoria"
Titivillus, pp.195, euro16