On Air Stiamo trasmettendo:
Sotterraneo con Marco Ruggiero a Leonardo Sacchetti

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



JOYCUT - Pieces Of Us Were Left On The Ground

Anno di pubblicazione: 2013

Provenienza: Italia

Genere: dark wave, post rock

Voto: **1/2

Brano migliore: Funeral


Commento: I Joycut non sono mai sbocciati del tutto, incapaci di decidere se dedicarsi alla musica sperimentale o al revival dark wave che tanto ha segnato l'ultimo quindicennio di musica pop. Se ne escono (di nuovo) con un album di dark wave quasi completamente strumentale, che fa un po' l'impressione di una raccolta delle introduzioni alle canzoni più oscure dei Cure. Le canzoni sono però involute e tendono a ripetere all'infinito gli stessi schemi (peraltro piuttosto abusati). Ho acquistato l'album perché i Joycut mi hanno sempre incuriosito, ma credo che, se non cambiano velocemente orizzonti artistici, finiranno presto per sparire, inghiottiti dal loro stesso anonimato.

 

Assomiglia a: Breathless, Giardini di Mirò, in alcuni tratti somigliano anche ai Cure di Disintegration.

Dove ascoltarlo: lungo un percorso collinare, durante un tramonto autunnale.

 Lorenzo Allori