On Air Stiamo trasmettendo:
Nightswimming con Andrea Gori

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Michele Gazich – Una storia di mare e di sangue

Anno di pubblicazione: 2014

Provenienza: Italia

Genere: folk

Voto: ***

Brano migliore: Oci bei, oci de bissa


Commento: Michele Gazich è da tempo uno dei musicisti folk più sensibili che abbiamo in Italia. Questo suo nuovo disco prende le mosse dalla storia della sua famiglia, scritta su un quaderno dalla sua bisnonna nell'antica lingua delle Venezie. E' una storia di durezza, di avventura e di esilio quella che da Istanbul, si snoda fino alle coste della Dalmazia e raggiunge New York City, riportando infine tutto in Italia. Un disco bello e profondo, guidato dal violino del cantautore, che risente però talvolta della pesantezza della narrazione (difetto tipico di certi concept album dalla storia troppo densa). Le canzoni da ricordare sono Oci bei, oci de bissa, Un sogno americano e Perché non siamo rimasti a bere latte sotto gli ulivi?, ma soprattutto è importante ricordare che cosa significa essere esule in terra straniera. Ogni tanto tendiamo a dimenticarcene.


Assomiglia a: un caleidoscopio di influenze musicali che vanno dai Balcani fino alla East Coast.

Dove ascoltarlo: in un centro di accoglienza per immigrati.
 Lorenzo Allori