On Air Stiamo trasmettendo:
Marco Monzali

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Rio Mezzanino - Together To Get Out

 Dopo la grande prova del 2008 con il loro disco Economy With Upgrade, i Rio Mezzanino aggiornano i fans più impazienti sul loro stato di salute con l'EP Together To Get Out. E si capisce subito che gli assi nella manica del gruppo non sono per niente esauriti: ci regalano tre strabilianti nuovi pezzi più una versione dal vivo di Thorn.
Still water è ipnotica, quasi un mantra potente e trascinante. Con arrangiamenti delicati e calibrati in modo strepitoso fino al crescendo finale in cui i fiati lasciano la chiusura alle percussioni di Giuseppe Viesti che sono una vera forza della natura e che sembrano inarrestabili.

Thorn è una noir-ballad che sembra arrivare dritta dritta dal sud degli Stati Uniti, con quel suono impastato di rock (ma anche di country), di whiskey, di chitarre, di tramonti. E questo pezzo è la prova di come i Rio Mezzanino siano un gruppo che ha la sua dimensione migliore nel live set dal vivo, dove la bellezza non ha bisogno di trucchi o effetti per manifestarsi.

Sleep Together, per scherzarci un po' su, è una canzone che avrebbero potuto scrivere i Radiohead più in forma. Ma non pensate a una cover band, era solo un gioco per far capire il livello di scrittura. Qui c'è personalità da vendere, a partire dalla voce del cantante Antonio Bacchiddu che sa di vita vera e di cose genuine, svogliata al punto giusto. E poi quelle chitarre rapide, la ritmica serrata, i contro cori: tutto perfetto. Davvero.
Riguardo a Mint + Holy Water, non è da tutti trasformare la sofferenza, la paura, l'ansia in musica sostenuta da una ritmica sincopata, scriverci un testo ispirato e con questi elementi costruirci una febbrile canzone d'autore. Ecco i Rio Mezzanino ci sono riusciti: provare per credere, modello Aiazzone!

Davvero queste sono canzoni da ascoltare, si fa difficoltà a rendere l'idea. Giusto per cercare di aiutarci con una metafora, potremmo dire che il nuovo EP dei Rio Mezzanino è come un cortometraggio d'autore da festival, sezione collaterale.

Voto: ****


 Matteo Lion