On Air Stiamo trasmettendo:
Marco Monzali

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Alfonso Deidda – Lucky Man

Anno di pubblicazione: 2015

Nazione: Italia

Genere: jazz - fusion

Giudizio: ***

Brani: Actual Size / Lucky Man / A Tough Morning / Unusual / Arahuacos / Hadas Y Duendes / Pisoned Apple / Center Of Mood / Pixie Dust / Just For A While

Brano migliore: Arahuacos

 

Musicisti: Alfonso Deidda (sax tenore, sax contralto, clarinetto basso), Julian O. Mazzariello (pianoforte), Fabrizio Bosso (tromba), Alessandro Paternesi (batteria), Dario Deidda (contrabbasso, basso elettrico)

 

 

Dedicato alla memoria del trombonista salernitano Fortunato Santoro, questo nuovo disco di Alfondo Deidda strizza fortemente l'occhio alla fusion anni '70, senza però mai eccedere con l'elemento elettrico. Ecco perché il pensiero corre immediatamente agli Oregon o a certe cose dei Weather Report avvenute prima dell'avvento di Jaco Pastorius. Le composizioni funzionano e si assestano tutte nel più consolidato manierismo mainstream. Le più belle sono Lucky Man, Arahuacos e la lunga ballad Hadas Y Duendes. L'unico limite del disco è che, se si eccettua quest'ultimo brano, i musicisti rischiano pochissimo e sembrano quasi andare sul sicuro. La classe è sicuramente molta e quindi non ci vuole molto a percorrere sentieri già abbondantemente aperti da altri. C'è in giro attualmente una forte rivalutazione di quel periodo della storia del jazz. All'epoca era contraddistinto da una fortissima vena sperimentale e terzomondista; oggi non sembra proprio altrettanto.

 

 Lorenzo Allori