On Air Stiamo trasmettendo:
Nightswimming con Luca Perlini

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



ELLIOTT SHARP TRIO Aggregat

Anno di pubblicazione: 2012

Provenienza: U.S.A.

Genere: jazz, fusion

Voto: **1/2

Brano migliore: Satan Sandwich

 

Commento: Elliott Sharp è una delle figure più inquiete della scena jazz sperimentale americana. Fin dalla sua partecipazione all'incensato incontro tra John Zorn e la musica di Ornette Coleman (l'album Spy Vs. Spy di fine anni '80) o alla sua collaborazione con il grande tastierista Wayne Horvitz, i progetti di Sharp sono sempre stati all'insegna dell'intransigenza e del rumore più genuino. Lontano dal jazz classico è anche questo nuovo progetto in trio (Brad Jones al basso elettrico, Chess Smith alla batteria ed il leader a dividersi tra sax soprano, sax tenore e la sua terroristica chitarra elettrica), in cui si concede pochissima pace ai padiglioni auricolari dell'ascoltatore, soverchiati da assalti noise, momenti di nu jazz e di puro free jazz (The Grip). Un tempo tutto questo si chiamava "new thing", da qualche anno dovrebbe essere forse definito "old thing".

Assomiglia a: John Zorn e soprattutto Marc Ribot.

Dove ascoltarlo: in un raduno politico degli anni '70.

 
 Lorenzo Allori