On Air Stiamo trasmettendo:
Nightswimming con Marco Milanesi

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



PAOLO FRESU EVIL QUARTET Desertico

Genere: Jazz

Provenienza: Italia

Anno di pubblicazione: 2013

Etichetta: TUK Music

Voto: ***1/2

Paolo Fresu (tromba, flicorno, multi effetti), Bebo Ferra (chitarra acustica ed elettrica), Paolino Dalla Porta (contrabbasso), Stefano Bagnoli (batteria)

(I Can't Get No) Satisfaction / La follia italiana / Ambre / All Items / Blame It On My Youth / Desertico / Suite For Devil / Poetto's Sky / Voci oltre / Young Foreve / Ninna Nanna per Andrea / Inno alla Vita

 

"Davanti a occhi sgranati sta sorgendo l' aurora" (Barbara Korun)

Osservare il mondo con lo sguardo di donna africana. Raccontare e raccontarsi sensazioni e impressioni nate da ampi spazi e cieli sconfinati. E suoni che si perdono in queste immensità.

Gli effetti elettronici della tromba di Fresu non eccedono mai il lirismo del suo fraseggio, tributo permanente alla lezione di Miles Davis. Anche le tessiture sonore di Bebo Ferra tendono a replicare e sottolineare quanto di poetico, come sospeso nell'aria leggera, traspare da questi brani tutti originali, salvo una delicata ballad, Blame It On My Youth  e una piacevole, ma nulla più, versione di (I Can't Get No) Satisfaction, di cui mi lascia perplesso il fatto che sia stata messa proprio lì, a capo della scaletta.

Suoni levigati e piacevolmente scorrevoli, costante ricerca di ragionate atmosfere, di colori quasi sempre tenui e di frasi costruite per dar corpo ad un racconto essenziale, questo a grandi linee l'universo di Paolo Fresu. Desertico ribadisce questi sentieri interiori, li rimarca, ma non esplora e, forse, non osa guardare in nuovi e poco battuti anfratti . Questo non vuol dire che il risultato non sia di elevato livello, anzi, questo nuovo disco si può ascoltare in ogni momento della giornata e in ogni luogo, anche del cuore, in cui ci si possa venire a trovare, ma temo si inserisca in qualcosa che in qualche modo appartenga al già sentito, già percepito.
 Marco Milanesi