On Air Stiamo trasmettendo:
Nightswimming con Andrea Gori

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



ANDREW BIRD Hands Of Glory

 

Anno di pubblicazione: 2012

Provenienza: U.S.A.

Genere: country, folk

Voto: ***1/2

Brano migliore: Something Biblical


Commento: Andrew Bird ha gettato definitivamente la maschera. Lo avevamo sempre sospettato che in realtà fosse uno strafottente bulimico bastardo in stile Sufjan Stevens e lui, nel 2012, ha prodotto ben due album. Dopo i buoni risultati di Break It Yourself della scorsa primavera, questo Hands Of Glory è il disco più ortodossamente country rock della sua carriera. E qui sta l'altra parte della rivelazione in questione. Andrew da sempre suona il violino, canta con un seducente yodel pieno di vibrato, ma proprio country nessuno lo avrebbe mai descritto; al massimo indie folk. Ma siccome lui è americano e quindi il country ce l'ha nel sangue ecco queste otto canzoni tra cui un paio di tradizionali, un paio di singoli tratti dal disco precedente riarrangiati secondo i nuovi umori, una splendida versione di If I Needed You del mai troppo lodato Townes Van Zandt e due grandissime canzoni come Three White Horses e Something Biblical. Il disco può dirsi pienamente riuscito anche se la qualità di Noble Beast (2009) resta lontana. Non sarà umile, ma sa il fatto suo.


Assomiglia a: Sufjan Stevens, Patrick Wolf


Dove ascoltarlo: in un negozio di giocattoli.

 Lorenzo Allori