On Air Stiamo trasmettendo:
The Musical Trip con Alessio Corsi

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



BELPHEGOR - Blood Magick Necromance

Anno di Pubblicazione: 2011

Provenienza: Austria

Genere: Black Death Metal

Voto: *** 1/2

Brani Migliori: Rise To Fall And Fall To Rise, Blood Magick Necromance, Discipline Through Punishment, Angeli Mortis De Profundis

 

Gli austriaci Belphegor sono ormai da vent'anni un'autorità nel black metal più blasfemo e crudo.

Questo ultimo Blood Magick Necromance è il loro nono album in studio e appare come una ventata di aria maligna e putrefatta (ma refrigerante per ogni blackster) dopo l'ultimo album non proprio esaltante. Siamo sempre di fronte al loro tipico stile che mescola cantato e riffing black metal a trame ritmiche death, pur con qualche melodia in più (Discipline Through Punishment ne è un chiaro esempio e gode anche di un ottimo riffing di chitarra) anche se comunque rasoiate in faccia brevi ma intense come Angeli Mortis De Profundis e Sado Messiah sono puro black metal incontaminato. Ma vanno molto bene anche pezzi dal tono più solenne, rallentato e minaccioso come Rise To Fall And Fall To Rise e la titletrack. Un altro suo pregio è che pur essendo un album molto duro, si fa ascoltare bene anche per la sua durata di quaranta minuti scarsi con otto canzoni che ritengo siano un tempo perfetto per un album black metal (il troppo stroppia si sa e pochissimi riescono a fare album lunghi senza far sbadigliare l'ascoltatore dopo la prima mezz'ora). Noti nei primi album per la loro intransigenza e impatto sonoro, non perdono comunque un'oncia in aggressività anche se i brani appaiono più variegati ed articolati. Album consigliato sia ai fan intransigenti del black metal, sia ai neofiti che ascoltano solo Cradle Of Filth o Dimmu Borgir. Per tutti gli altri, beh lo fate a vostro rischio e pericolo quindi procuratevi un crocefisso e un ombrello per gli schizzi di sangue (specialmente se andrete ad un loro concerto). 

 

 Mirko Ciardi