On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ
Le nostre trasmissioni consuete sono riprese da oggi dopo la pausa natalizia

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Charlie Parr – Stumpjumper

Anno di pubblicazione: 2015

Provenienza: U.S.A.

Genere: folk, blues, country

Voto: ***1/2

Brano migliore: Stumpjumper


Commento: Charlie Parr proviene da Duluth, Minnesota, ma non ha proprio niente in comune con la celebrità locale Bob Dylan. La sua musica è composta da una notevole tecnica di fingerpicking, chitarra folk o dobro e via a squarciagola, con una voce segnata da birra, whisley e Dio solo sa cosa altro. Non ci sono altri strumenti o voci coinvolte e siamo già ad almeno dieci album realizzati in questo modo. Potrebbe essere il profilo di un busker campagnolo, abituato a raccogliere qualche spicciolo nelle fiere di paese ed invece Charlie è riuscito ad emergere e questo Stumpjumper è il suo primo album distribuito a livello internazionale. Musica così in Europa non ne abbiamo mai avuta e quindi riveste sempre quel qualcosa di "esotico" alle nostre orecchie e per questo affascinante. Se però ci fate mente locale, la conoscevate già: era nel piede di Robert Johnson che batteva sul pavimento, nella voce di Elvis che cantava i suoi primi singoli o nei passaggi della chitarra di Keith Richards in Exile On Main Street.


Assomiglia a: William Elliott Whitmore, Hot Tuna, Robert Johnson

Dove ascoltarlo: ad una fiera di paese.

 Lorenzo Allori