On Air Stiamo trasmettendo:
Gas Station con Alessandro Pianti

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Current 93 – I Am The Last Of All The Field That Fell

Anno di pubblicazione: 2014

Provenienza: Gran Bretagna

Genere: folk apocalittico

Voto: ***1/2

Brano migliore: And Onto Pick Nick Magick


Commento: David Tibet produce album ostici e pieni di riferimenti esoterici e satanici. Questo I Am The Last Of All The Field That Fell, e lo si capisce bene scorrendo la lista degli ospiti illustri (tra gli altri Antony Hegarty, Nick Cave e John Zorn), fa parte della schiera degli album più "ascoltabili" realizzati da questo autore "difficile" ed ermetico. Come nella tradizione degli ultimi anni è il pianoforte lo strumento guida, usato per incorniciare dodici ballate folk sui generis, sulle quali Tibet declama sguaiatamente i propri sinistri versi. Ovviamente il tutto piace maggiormente quando l'utilizzo di arrangiamenti più ariosi (in particolare grazie all'utilizzo dei fiati) riesce a scalfire la monotonia o quando cantano gli ospiti. Those Flowers Gone, With The Dromedaries, And Onto Pick Nick Magick, I Remember The Berlin Boys e la dolente I Could Not Shift The Shadow sono le canzoni che hanno solleticato la mia attenzione.


Assomiglia a: Death In June.

Dove ascoltarlo: su una piattaforma petrolifera, nel Mare del Nord.

 Lorenzo Allori