On Air Stiamo trasmettendo:
Alto Volume con Valentina Ceccatelli

Parola di DJ
Le nostre trasmissioni consuete sono riprese da oggi dopo la pausa natalizia

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Current 93 – I Am The Last Of All The Field That Fell

Anno di pubblicazione: 2014

Provenienza: Gran Bretagna

Genere: folk apocalittico

Voto: ***1/2

Brano migliore: And Onto Pick Nick Magick


Commento: David Tibet produce album ostici e pieni di riferimenti esoterici e satanici. Questo I Am The Last Of All The Field That Fell, e lo si capisce bene scorrendo la lista degli ospiti illustri (tra gli altri Antony Hegarty, Nick Cave e John Zorn), fa parte della schiera degli album più "ascoltabili" realizzati da questo autore "difficile" ed ermetico. Come nella tradizione degli ultimi anni è il pianoforte lo strumento guida, usato per incorniciare dodici ballate folk sui generis, sulle quali Tibet declama sguaiatamente i propri sinistri versi. Ovviamente il tutto piace maggiormente quando l'utilizzo di arrangiamenti più ariosi (in particolare grazie all'utilizzo dei fiati) riesce a scalfire la monotonia o quando cantano gli ospiti. Those Flowers Gone, With The Dromedaries, And Onto Pick Nick Magick, I Remember The Berlin Boys e la dolente I Could Not Shift The Shadow sono le canzoni che hanno solleticato la mia attenzione.


Assomiglia a: Death In June.

Dove ascoltarlo: su una piattaforma petrolifera, nel Mare del Nord.

 Lorenzo Allori