On Air Stiamo trasmettendo:
Eighties

Parola di DJ
Le trasmissioni consuete di RADIO GAS riprenderanno regolarmente lunedì 31 Agosto. In loro sostituzione andranno in onda le nostre selezioni musicali.

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Durutti Column - A Paean To Wilson


Provenienza: Inghilterra

Anno: 2010

Genere: ambient-post punk

Voto: ****

Brani migliori: Chant, Duet With Piano, The Truth


Vini Reilly e i suoi Durutti Column erano il rebus di casa Factory. Perché Manchester e il mondo potevano esplodere dietro ai Joy Division o agli Happy Mondays, la Factory poteva morire e rinascere e la musica cambiare, ma Reilly continuava quietamente a ricamare atmosfere avvolgenti, melodie per chitarra ed echi da qualche parte tra Brian Eno e il John Martyn più sperimentale... Erano il gingillo di Tony Wilson, i Durutti Column. O il gioiello, dato che per il patron della Factory avevano qualcosa in più del resto della squadra, una qualità impalpabile ma fondamentale: l'atemporalità. Per Wilson non sarebbe stato Ian Curtis a far ricordare la Factory, ma Vini Reilly. E tanti anni dopo, al letto di morte del suo ex capo, Reilly ha deciso di provarci davvero, realizzando, vent'anni dopo "Vini Reilly", il suo secondo capolavoro.

"A Paean To Wilson" è una suite di brani strumentali in memoria di Tony Wilson, composti e suonati da Reilly con pochi e fidati compagni (tra cui John Metcalfe, l'arrangiatore di "scratch my back" di Peter Gabriel). Comincia col sample di una frase di Wilson che, in pochi secondi, si fa puro suono e introduce Chant, dieci minuti di elegiaca e commovente malinconia, quasi un sunto di trent'anni di carriera.

Attraversiamo memorie latine (Quatro), improvvisi sussulti elettrici (Requiem) e il fantasma vocale del Marvin Gaye di "What's Going On" (Brother, The Truth), fino a un meraviglioso auto-remake (Duet For Piano) e al sample finale di un corrosivo commento di Wilson sul New Labour di Tony Blair (How Unbelievable). Come a ricordarci che anche la musica più intima, e più privata, non può sfuggire al confronto con la realtà.

 Luca Perlini