On Air Stiamo trasmettendo:
Nigthswimming con Claudio Biancalani

Parola di DJ

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



FLEET FOXES Helplessness Blues

 

Anno di pubblicazione: Maggio 2011

Etichetta: Sub Pop/Bella Union

Provenienza: Washington (U.S.)

Genere: Folk/Pop

Voto: ***

Brani migliori: Montezuma, Battery Kinzie, Grown Ocean

 

Il secondo disco è sempre un salto nel vuoto, un momento atteso e temuto, ancora più del primo, perchè su di lui verte il destino del gruppo o dell'artista. Tutto dipende da come la critica lo prenderà e come i fans della prima ora ne saranno colpiti. Insomma, il secondo disco è quello su cui si punta tutto per confermare la propria carriera e poi si incrociano le dita e si aspetta. Per una band con i precedenti dei Fleet Foxes (ossia il successo unanime del loro primo lavoro e del precedente EP, entrambi usciti col nome di Fleet Foxes) il secondo album è veramente stato a lungo atteso (dal 2008) come la conferma di un talento genuino e solare.

Abbiamo avuto modo di ascoltare e assaporare con calma e con il dovuto senso critico tutto Helplessness Blues, dodici tracce in cui si alternano toni ovattati da lullaby (The Cascades), ammiccamenti pop (Lorelai, Someone You'd Admire) e momenti di folk che ricordano il grande passato (Montezuma, Helplessness Blues, Grown Ocean).

È un lavoro compatto, con un sound nostalgico rivolto ai magici Sixties e, nonostante la sua gestazione non sia stata del tutto lineare né semplice, è un lavoro che conferma le potenzialità della band di Seattle, lasciando però uno strano retrogusto amaro. Sarà forse la voce di Pecknold, così diversa dagli album precedenti, o forse si tratta di qualcosa di insito nel cuore stesso dell'album. Come sul set di un film, dove quello che vediamo sono case, città e strade, e tutto ci sembra reale, ma basta allargare l'inquadratura per capirne la finzione. Così in questo Helplessness Blues, un buon album ad un primo ascolto; dodici tracce registrate ottimamente, come doveva essere, perfettamente costruite con strutture se non originali quanto meno interessanti, intriganti armonie vocali e suoni squisitamente retrò. Ma oltre questo? Manca quella comunicatività e quell'immediatezza che avevano fatto conquistare a Fleet Foxes il successo internazionale. Quella semplicità bucolica che aveva portato la musica della band a così meritato successo. Probabilmente la pressione è stata troppa, o i mezzi a disposizione hanno fatto un po' adagiare sugli allori la vena creativa di Robin Pecknold e soci, creando un album “da classifica”, sicuramente competitivo e accattivante, ma in definitiva, troppo costruito nella sua semplicità, troppo perfetto per essere vero, e in cui manca decisamente qualcosa di fondo.

 

 Francesca Ferrari