On Air Stiamo trasmettendo:
Supercompilation

Parola di DJ
Siamo tornati! Stamani riprendono le trasmissioni consuete di RADIO GAS

newsletter
Vuoi essere informato su tutte le novità di Radiogas?
Iscriviti alla nostra newsletter
Scrivi la tua email



Luther Dickinson – Blues & Ballads: A Folksinger’s Songbook: Volumes I & II

Anno di pubblicazione: 2016

Provenienza: U.S.A.

Genere: blues, folk

Voto: ***1/2

Brano migliore: Up Over Yonder per la parte blues, Horseshoe per la parte ballads.


Commento: Luther Dickinson realizza un disco di "finti traditional", reinterpretando in realtà quasi sempre vecchie pagine del proprio repertorio (la maggior parte delle quali affrontate già con i North Mississippi Allstars). La cornice sonora è comunque rigorosa: poche percussioni (tra cui la mitica washboard), una chitarra acustica spesso suonata slide ed una voce che insiste spesso e volentieri sulle note blu. Nei due brani migliori la scarna cornice si arricchisce di contributi preziosi: in Up Over Yonder, caposaldo della parte più blues della scaletta, appaiono JJ Grey alla voce, Will Sexton alla batteria e Jason Isbell alla chitarra; in Horseshoe ecco invece il banjo e la voce di Jimbo Mathus e la chitarra di Alvin Youngblood Hart. Altrove poi appare anche la voce da brividi di Mavis Staples (nel tradizionale Ain't No Grave). Insomma Luther ha fatto le cose come si deve e si percepisce chiaramente come per la tradizione abbia un amore ed una venerazione non comuni per musicisti della sua generazione.


Assomiglia a: i punti di riferimento di Luther Dickinson sono da sempre gli stessi: R.L. Burnside, Pops Staples e naturalmente suo padre, l'indimenticato Jim Dickinson.

Dove ascoltarlo: nella nuova American Folk Anthology raccolta dal Congresso degli Stati Uniti.

 Lorenzo Allori